Nuovo arresto per Genny’a carogna capo ultrà del Napoli. Traffico di droga

   

Gennaro De Tommaso, il suo soprannome e il suo volto rimangono legati alla presunta “trattativa” tra ultrà del Napoli e squadra, a ridosso della finale di Coppa Italia a Roma il 3 maggio 2014 Napoli-Fiorentina, quando negli scontri tra tifoserie fuori dall’Olimpico, a Tor di Quinto, fu ucciso Ciro Esposito. Era ai domiciliari in Toscana, a Livorno, per un altro arresto con condanna per reati di droga, Gennaro De Tommaso, noto alle cronache come Genny ’a carogna. Ora è in carcere per una misura cautelare emessa del gip di Napoli nei suoi confronti e in quelli di altre 15 persone, tutti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti. 

Nel corso delle indagini, i carabinieri di Napoli, su mandato della Direzione distrettuale antimafia partenopea, hanno documentato collegamenti tra fornitori di droga olandesi e il gruppo criminale di Forcella con a capo Gaetano e Gennaro De Tommaso,. Il gruppo organizzava l?importazione e il trasporto in Italia su autoarticolati di ingenti quantitativi di marijuana e gestiva i rapporti con i capi e gestori di numerose piazze di spaccio sul territorio napoletano e nazionale. Definiti, in continuità con l?operazione che a gennaio porto´ a circa 100 arresti, i contatti tra acquirenti di marijuana dei De Tommaso ed esponenti dello spaccio al dettaglio del rione Traiano. 

Fonte ANSA

La pagina Facebook per seguire tutte le news del calcio in campania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *