Calciomercato Premier League: ai giocatori le spese di commissioni

   
   

Calciomercato Premier League, cosa può cambiare:

Forse un modo per limitare il potere dei procuratori c’è. E la Premier League lo sta studiando. La proposta che è stata messa sul tavolo prevede, infatti, che siano i calciatori a pagare le commissioni per i propri agenti, scalandoli direttamente dal proprio stipendio, anziché le società. La preoccupazione della massima lega inglese nasce dal fatto che nell’ultimo anno le spese per i trasferimenti hanno toccato i 250 milioni di euro.

Il modo per attuare questa mini-rivoluzione, spiega Sky Sports, è appunto quello di spostare l’onere della spesa sui calciatori anziché sui club che li ingaggiano. L’effetto immediato sarebbe quello di porre un freno ai continui trasferimenti all’interno dello stesso Paese, dato che quello inglese è il mercato più “autarchico”, diminuendo il guadagno per i procuratori. Che comunque potrebbero negoziare uno stipendio annuale “gonfiato” per i propri assistiti.

Ma casi che hanno fatto scandalo come i 49 milioni di euro guadagnati da Mino Raiola nell’affare Pogba nel 2016 per il passaggio del centrocampista dalla Juventus al Manchester United non ci saranno più… o così sperano in Premier.

Fonte: SportMediaset

La pagina Facebook per seguire tutte le news del calcio in campania

   
 
Carmine Gallucci

About Carmine Gallucci

360 gradi è l'angolazione minima con cui osservo il mondo. Twitter: @CarmineGallucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *