ESCLUSIVA- M.Aiello (Paganese):”La Berretti ci darà soddisfazioni, credo che possano debuttare altri giovani in futuro…”

  
Aiello
   

Mario Aiello- Di seguito l’intervista rilasciata alla nostra redazione da Mario Aiello attuale Resp. dell’Area Tecnica delle Giovanili della Paganese.

Sei vittorie, ventidue gol fatti e solo cinque subiti, secondo posto in classifica ad un solo punto dalla capolista Lecce: sono questi alcuni numeri importanti realizzati dalla Berretti della Paganese nelle prime otto giornate di campionato.

In esclusiva per la redazione di forzazzurri, l’attuale Responsabile dell’Area Tecnica delle Giovanili della Paganese Mario Aiello ha espresso il suo parere sull’andamento della squadra affidata la scorsa estate a mister Domenico Panico.

1) La Berretti è seconda in classifica. In questi primi tre mesi la squadra ha vinto molte gare segnando tantissime reti mostrando grande forza e fisicità, eppure nella seconda parte di ottobre sono arrivate due sconfitte contro Juve Stabia e Lecce. Ci vuole descrivere il percorso effettuato finora da questa categoria?

“La rosa della Berretti è stata costruita quest’estate senza stravolgere una base già importante che ci ha regalato soddisfazioni nella passata stagione. Siamo intervenuti sul mercato acquistando anche calciatori provenienti da esperienze significative con squadre di A e B, grazie all’impegno e gli sforzi svolti anche dal Presidente del Settore Giovanile Giuseppe Caiazzo. Unitamente all’allenatore Domenico Panico abbiamo portato avanti un progetto che potesse perseguire due obiettivi: il primo è quello di creare un gruppo valido di calciatori con l’obiettivo di inserirne col tempo qualcuno in prima squadra, il secondo di regalare spettacolo in campo. La Berretti è una squadra che in qualche occasione rischia molto, preferisce costruire la manovra di gioco partendo dal basso e secondo noi è l’unico modo di far crescere e migliorare i ragazzi, anche a rischio di subire qualche rete in più. Nella scorsa estate, sin dai primi giorni del ritiro, abbiamo battuto in amichevole molte squadre più blasonate di noi e che attualmente disputano il Campionato Primavera. Queste vittorie ci hanno regalato parecchia autostima in quanto, anche sul piano del gioco, sono arrivate molte soddisfazioni. Pronti-via e in campionato abbiamo avuto una partenza positiva. Poi ad ottobre sono arrivate queste due sconfitte consecutive contro Juve Stabia e Lecce, ma a mio parere tutte non possiamo vincerle. Contro la Juve Stabia la sconfitta è arrivata s seguito di alcune situazioni particolari che si sono create in quella giornata. Innanzitutto la gara si è disputata su un campo neutro a Telese Terme su un terreno di gioco anomalo, in erba naturale, non in linea e disconnesso. La squadra sotto il profilo caratteriale non ha reagito bene, ma a mio avviso quella sconfitta è servita ai ragazzi in quanto hanno capito che, per arrivare a livelli importanti, oltre al bel gioco bisogna tirare fuori altre peculiarità. Invece, contro il Lecce abbiamo perso meritatamente in quanto i pugliesi hanno giocato meglio, anche se in verità siamo scesi in campo senza tre difensori centrali infortunati. Nel mese di novembre la squadra si è ritrovata conquistando vittorie importanti che la vedono ora ad un solo punto dal Lecce.” 

2) Nel campionato di Serie C la Paganese non se la sta passando bene in quanto viaggia nei bassifondi della classifica. Ritiene che questa precaria condizione di classifica, in cui versano in questo momento gli azzurrostellati, possa bloccare o comunque rallentare il debutto e l’inserimento di qualche giovane della Berretti in prima squadra?

Ho sempre pensato che se un giovane è bravo deve avere la possibilità di giocarsi le sue chances anche con i più grandi, al di là del fatto che la prima squadra possa avere una classifica positiva o meno. Abbiamo già inserito da tempo tre giovani nella Paganese: Bernardini, Acampora e il portiere Marone. Prossimamente sono certo che avverrà qualche altra integrazione in quanto è il principale obiettivo che si è sempre posta questa società a livello giovanile. Per quanto riguarda la rosa dei portieri devo elogiare il lavoro importante che sta effettuando il nostro preparatore Gennaro Della Corte, persona validissima all’interno della nostro gruppo di lavoro che vanta esperienze in serie C. Della Corte sta migliorando tutti i portieri, tra i quali Bovenzi e Cappa arrivati da noi già promettenti.”

Piero Vetrone

 

La pagina Facebook per seguire tutte le news del calcio in campania

   
   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *