Portici-Nocerina, Maiuri: “Ho detto ai miei ragazzi di far segnare gli avversari”. I tifosi non apprezzano e lui si dimette

   
   

Portici-Nocerina, Maiuri si dimette

Mezza vita nel mondo del calcio, quanto basta per conoscere tutte le zone d’ombra dello sport più popolare d’Italia. Ma anche un senso di giustizia mai attenuato che giovedì si è manifestato in modo clamoroso in controtendenza con la regola imperante: vincere a tutti i costi. Ha infatti chiesto ai suoi ragazzi del Portici, formazione militante nel girone I della serie D, di lasciar pareggiare gli avversari della Nocerina perché il vantaggio era maturato in seguito a un incidente occorso a un avversario infortunato e alla mancata interruzione dell’azione.

I suoi tifosi però non hanno compreso quel regalo inaspettato, la rinuncia a 2 punti su 3, e hanno abbandonato la curva dello stadio Vallefuoco di Mugnano che ospitava il match. E allora, dopo il triplice fischio finale dell’arbitro che ha consegnato alla storia e alla classifica il punteggio di 1 a 1, Maiuri ha rassegnato le dimissioni.

Prima calciatore professionista in formazioni di terza serie ma anche una ventina di presenze in B, tra Fermana e Como. Poi, Vincenzo Maiuri, 48 anni, originario di Milano, ma giramondo come tanti professionisti che vivono di pallone, si è accomodato in panchina. Prima del Portici ha allenato proprio la Nocerina. Grazie alla sua lealtà ha consentito alla sua ex squadra di restare in vetta alla classifica in condominio con la Vibonese Calcio e la Troina.

Mister, lo rifarebbe?
«Sì per tutta la vita anche se la vittoria poteva determinare l’obiettivo della stagione. Ho detto la stessa cosa ai tifosi».

Il Portici si trova a distanza di relativa sicurezza dalla zona play out. Ma se, per sventura alla fine dovesse essere risucchiato proprio per colpa dei due punti persi con la Nocerina nella lotteria degli scontri diretti per non retrocedere?
«Avremmo comunque fatto la cosa giusta. In quella situazione bisognava mettere la palla fuori. Noi non vogliamo vincere senza onorare lo sport. Eppure ogni domenica mi taglierei mani e piedi, rinuncerei anche allo stipendio per vincere. Ma correttamente».

Ha dato lei l’input ai ragazzi?
«Certo ho detto io che dovevano far pareggiare la Nocerina. Quando ho visto a terra il giocatore avversario ho urlato di mettere fuori la palla. Dieci volte l’avrò fatto. Poi è arrivato uno dei nostri da dietro, si è involato sulla fascia ed ha crossato per il gol».

Nelle immagini relative all’episodio si nota qualche timido tentativo di contrasto dei rossoneri proiettati verso la rete: una foglia di fico per salvare le apparenze o un dissenso per la decisione?
«Non tutti sapevano con esattezza come erano andate le cose. Alcuni erano lontani dall’azione e io non avevo il megafono».

Cosa ha detto negli spogliatoi?
«Alla fine del primo tempo c’è stato un po’ di casino, anche tra i giocatori. Nella squadra c’era parecchio nervosismo: quelli vicini alla panchina avevano capito tutto, quelli che erano a cinquanta metri no».

Lei ha moglie e due figlie. Cosa ha raccontato?
«Ho detto che purtroppo dovevo andare via perché il mio gesto non era stato capito. E che era giusto fare così. In Italia gli stadi sono vuoti anche per certi atteggiamenti antisportivi. Tutto ruota intorno alle scommesse. Io non gioco mai. Immaginavo dunque il casino che sarebbe successo. Ho agito consapevolmente».

Perché si è dimesso?
«Sono rimasto male quando i tifosi hanno abbandonato lo stadio. Per me è stato umiliante. Ora (la conversazione si svolge in una pausa del confronto tra il mister e i supporter porticesi, ndr ) lo hanno capito. Non torno indietro. Domani (oggi, ndr) dovrò chiarire alcune cose con la società. Non sono pentito. Non era un gesto facile. Come sapete io ho allenato la Nocerina. E qualche dirigente non si era nemmeno comportato bene con me. Ma questo non significa niente».

Ha ricevuto minacce?
«Assolutamente no. Qualche parolaccia è volata. Ma non si è andati oltre».

Avrebbe accettato di segnare con gli avversari fermi?
«Ora mi mette in difficoltà. Ma se avessi subito il gol in maniera irregolare direi di sì».

Quelli della Vibonese non l’avranno presa bene
«Nutro grande rispetto per il presidente della Vibonese. Non l’ho ancora sentito. Lo chiamerò, ma lui è un uomo di calcio e avrà già capito».

Non teme di poter paradossalmente subire sanzioni disciplinari per condotta antisportiva?
«Conosco bene l’articolo 1 nel quale si censura la condotta antisportiva. Non l’ho mai bypassato. Che dire? Tutto è possibile. Essere sanzionato sarebbe un’umiliazione incredibile. Ma mi comporterei allo stesso modo per altre cento volte».

Pensa che un atto del genere sarebbe replicabile in campionati o tornei maggiori dove ai risultati sono connessi interessi economici molto più consistenti?
«Avrei fatto la stessa cosa se avessi allenato il Napoli a 9 giornate dalla fine».

Il suo modello di allenatore, professionale e umano?
«Tre persone, una scomparsa proprio in questi giorni: Mondonico, Bersellini, Giampiero Vitali».

Era un difensore, ora adotta il 4-3-3, uno dei moduli più offensivi. Come mai?
«Per i tre punti bisogna giocare per vincere. Il pareggio vale due terzi di sconfitta»

Per chi tifa?
«Sono di Milano, per il Milan».

Come finirà la volata tra Napoli e Juventus?
«Mi auguro che vinca il Napoli per la qualità del calcio espresso».

Per Sarri il successo è arrivato oltre i 50 anni, cosa sogna Maiuri?
«Sogno di ottenere il massino. Se alleno in D, sogno di allenare un top club di D. In C altrettanto. Ho avuto tante possibilità di allenare tra i professionisti. Ma ho sempre preferito la grande piazza alla categoria».

Fonte: Il Corriere del Mezzogiorno

Questo il video pubblicato dai colleghi di nocerinalive.it:

 

Scarica gratuitamente l'App di ForzAzzurri.net

   
       

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *