Boggi ex arbitro:”Prima di calciapoli il referto era diverso”

Boggi

L’ex Arbitro Boggi spiega come il referto arbitrale sia cambiato dopo calciopoli

Nel corso della trasmissione radiofonica Punto Nuovo Show, è intervenuto in diretta l’ex arbitro Roberto Boggi il quale ha spiegato il cambiamento del referto arbitrale dopo calciopoli. Ecco quanto dichiarato:

“Prima di Calciopoli esisteva un altro tipo di referto, un casino con tante norme. Quando subentrò Agnolin, rimasi solo con 200 arbitri e decidemmo di fare un referto nuovo. Ero anche osservatore UEFA e cambiammo il referto. Orsato è come un figlio, gli voglio bene ed ho perorato la sua causa in Serie C. In base a ciò che è accaduto in quella partita, speravo che il protocollo si potesse ampliare. Si sarebbe dovuto fare subito, è su questo che spingerei. Io parlo sempre per migliorare il calcio e fare il bene di questo sport. Dare ad un arbitro 7.50 vuol dire fargli cambiare mestiere. Non parlerei mai male di Orsato, so che persona è. Bisogna dare spazio agli giovani, abbiamo bisogno di una classe dirigente giovane che possa affrontare il futuro a mente fresca. Dipendesse da me farei parlare gli arbitri post partita, si eviterebbero polemiche. Non abbiamo arbitri che possono andare ai mondiali e sarebbe grave per un sistema come il nostro. Sicuramente sono contento di leggere che vogliono unire di nuovo gli arbitri della A e della B”.

Torna il campionato

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Lo Monaco, cons. FIGC:”Playoff possibili se ci sarà un nuovo stop”

La ripresa della Serie A, quando nessuno vuol dire no

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

“La mafia non si ferma, lo Stato curi il disagio sociale”, avverte Lo Voi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *