Coppa Italia – Napoli irriconoscibile, Milan avanti con merito

 
 
Ancelotti
   

L’edizione online del quotidiano La Repubblica racconta il match di ieri sera che ha visto il Napoli uscire dalla Coppa Italia

“Napoli irriconoscibile. E così la Coppa Italia, che era uno degli obiettivi stagionali, sfuma in poco meno di mezz’ora, quanto basta al Milan per chiudere i conti con una doppietta dello scatenato Piatek che vince il derby polacco con Milik, mai capace di impensierire Donnarumma. Ma la prestazione negativa è generale: Maksimovic non è perfetto in difesa, Diawara e soprattutto Allan deludono in mediana. Stesso discorso per Insigne che è comunque l’unico a provarci. Cambia poco, a dire il vero, pure con gli ingressi di Mertens e Ounas. Il Napoli viene così eliminato dalla competizione nel peggiore dei modi. Ancelotti dovrà riflettere sull’involuzione della squadra in appena tre giorni. L’approccio è stato completamente sbagliato.

PIATEK IMPLACABILE. Il Napoli va subito in difficoltà. Ancelotti prova ad allargare il gioco con Malcuit e Ghoulam puntando su un centrocampo prevalentemente di palleggiatori con Zielinski e Fabian che si accentrano spesso. Manca il necessario ritmo e il Milan ne approfitta in maniera abbastanza semplice: cerca la profondità con Piatek che è uno specialista in materia. Il nuovo centravanti del Milan si presenta a San Siro dopo appena 10 minuti: lancio di Laxalt, Maksimovic non è attento, e il polacco è letale in area di rigore. Il capolavoro lo firma al 27’: stavolta controlla sul lancio di Paqueta’, prende il tempo a Koulibaly e Maksimovic e di destro fulmina Meret per un 2-0 che condanna un Napoli in disarmo. Gli azzurri sono irriconoscibili. Non c’è movimento senza palla e le uniche conclusioni sono targate Insigne senza la necessaria determinazione per mettere in difficoltà un Donnaruma sempre molto attento.

ANCELOTTI CAMBIA MODULO. L’allenatore del Napoli prova a correre ai ripari e sostituisce l’irriconoscibile Allan: il centrocampista brasiliano è stato uno dei peggiori nel primo tempo. Ancelotti sceglie Ounas e passa al 4-3-3 per provare a cambiare la partita. Milik è pericoloso in girata al 2’, ma non è preciso.  Il Napoli prova ad attaccare senza la necessaria confusione e così i rossoneri controllano abbastanza agevolmente. Ancelotti inserisce pure Mertens al posto di Diawara e gioca con un 4-2-3-1 molto offensivo. La conclusione di Ounas impegna Donnarumma anche se il gol della speranza non arriva. Il Napoli non è mai pericoloso, il Milan controlla abbastanza agevolmente e merita la qualificazione.”

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *