Ettore Messina dopo Olimpia Milano-Khimki Mosca 69-78: “Al momento c’è arrendevolezza. Sono io il responsabile della squadra”

MILANO – Al termine della sconfitta interna maturata contro il Khimki Mosca, l’Olimpia Milano si guarda dentro e per farlo si affida nella conferenza stampa post partita della venticinquesima giornata di stagione regolare dell’Eurolega 2019/2020 alle parole del suo head coach Ettore Messina. I meneghini, cadendo sotto i colpi dei russi al Forum, hanno ora uno score di 11 partite vinte e 14 perse: rimangono in corsa per la zona playoff, anche se il prosieguo nella massima competizione continentale per club dovrà essere ben diverso.

“Il Khimki, a cui vanno i miei complimenti, ha giocato meglio di noi meritando la vittoria. E’ una sconfitta dura che analizzeremo nei prossimi giorni. Tirare col 14% da tre in due partite di fila, non è certamente incoraggiante. Loro di solito viaggiano a 88 punti di media, questo vuol dire che la difesa ha lavorato bene ma non l’attacco: abbiamo sbagliato canestri da sotto, siamo sfiduciati. E’ ovvio che la responsabilità è mia, l’alleno io e dovrò trovare il metodo per farla risalire, visto come ci sciogliamo ultimamente.
Oggi abbiamo abbassato le braccia dopo l’inizio del terzo quarto: una scarica di pugni, che ci è costata la partita. Allenarsi, parlarsi, arrabbiarsi: non esistono ricette miracolose. Siamo questi. Dobbiamo e possiamo giocare meglio, con più determinazione e cattiveria. E’ ovvio che in questo momento c’è un’arrendevolezza che non fa onore nè ai ragazzi nè al club nè a nessuno.
Se vengo a vedere una squadra che attacca male e difende male, da spettatore giustamente mi faccio delle domande chiedendomi: che cosa fanno questi in palestra? Al 20 febbraio però non credo sia il momento di fare processi. Dobbiamo provare a fare dei cambiamenti sull’aspetto mentale e altri aspetti: a fine stagione poi ci guarderemo in faccia. Non c’è niente da dire.
Fra allenatori campioni d’Italia, campioni d’Europa, campioni del mondo – afferma – di tecnici ne sono passati tanti e io non sono qui a giudicare nessuno: se dovessi non riuscire a risolvere il problema, farò anche io come gli altri”.

Queste invece le parole di un soddisfatto Rimas Kurtinaitis: “E’ stata una vittoria importante, anche perchè in trasferta venivamo da otto sconfitte consecutive mentre in casa abbiamo un ruolino migliore: questa affermazione, fra l’altro, ci consente di andare in vantaggio negli scontri diretti (2-0, ndr) contro l’Olimpia in ottica playoff. 
Siamo partiti in maniera soft all’inizio del terzo periodo, ma abbiamo comunque controllato tutti i quarti completando bene il lavoro nell’ultima frazione.
Jerebko? All’inizio ha faticato un po’: il fatto di tornare in Europa l’ha sicuramente rallentato. Ora però è in grande condizione fisica, è un lottatore e si sta adattando diventando anche un riferimento per i compagni”.

michele.cassano@oasport.it

Loading…
Loading…

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Foto Mattia Ozbot / Ciamillo-Castoria