Pubblicato il: 20 Novembre 2019 alle 1:12 pm

F1, Giancarlo Minardi attacca Vettel: “Si è fatto innervosire da Leclerc, regalando uno zero alla Ferrari”

Loading...

L’incidente tra il monegasco Charles Lerclerc e il tedesco Sebastian Vettel ad Interlagos (Brasile), sede del penultimo round del Mondiale 2019 di F1, fa discutere. Non sorprende che il crash sia stato oggetto di analisi minuziose, fotogramma per fotogramma, per stabilire chi sia il principale responsabile. Non cambia però la sostanza della situazione: gli zero punti per la Ferrari.

Mattia Binotto e il suo staff, secondo quanto scritto dai giornali, starebbero pensando ad un provvedimento disciplinare (multa) per i due piloti. Nel confronto dialettico, comunque, un’altra voce va ad aggiungersi alle tante che si sono fatte sentire in queste ore. Ci si riferisce a Giancarlo Minardi, figura importante del Circus e per anni a capo di un team storico dell’automobilismo italiano ed internazionale. Ebbene, l’opinione di Minardi è piuttosto chiara ed è favorevole alla condotta di Leclerc: “Ancora una volta Charles è riuscito ad innervosire Vettel e il tedesco con un’azione tanto incredibile quanto folle ha rovinato sia la sua gara che quella del compagno, regalando alla Ferrari un drammatico zero in casella. A Maranello dovranno risolvere un bel problema…“, le parole del 72enne nativo di Faenza.

Considerazioni che sono in contrasto netto con quelle del campione del mondo di F1 1997 Jacques Villeneuve, il quale si è schierato apertamente dalla parte di Sebastian. Indubbiamente, come detto da Minardi, la Ferrari ha una problematica da risolvere e resta da capire la modalità perché, a prescindere da possibili multe, nel 2020 questa lotta interna potrebbe rappresentare un limite, qualora la superiorità della monoposto non fosse “schiacciante”.

 

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

giandomenico.tiseo@oasport.it

Twitter: @Giandomatrix

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse