F1, Test Abu Dhabi 2019: Mercedes impressionante, Ferrari e Red Bull in ritardo ma con lavori differenziati

 
 
   

La prima giornata dei test della Formula 1 per provare le gomme Pirelli 2020 è andata in archivio ad Abu Dhabi con la conferma di una Mercedes estremamente affidabile e competitiva in particolare sul tracciato di Yas Marina progettato da Hermann Tilke. Valtteri Bottas ha firmato il miglior tempo odierno in 1’37″124 ed ha rifilato ben otto decimi al primo degli inseguitori nonostante sia stato l’unico del lotto ad ottenere il proprio best lap con gli pneumatici Pirelli del 2019 (mescola C4).

Il finlandese della Mercedes ha svolto il proprio lavoro in maniera impeccabile, senza sbavature di rilievo, completando 138 giri e mettendo ancora una volta in mostra la superiorità tecnica della W10 nel circuito degli Emirati Arabi. Due sole tornate in meno ma ben otto decimi di distacco rispetto al leader da parte di Sebastian Vettel, protagonista di un day-1 non così esaltante dal punto di vista delle prestazioni e dell’affidabilità. La Ferrari del tedesco si è infatti dovuta fermare a lungo ai box per un problema agli scarichi che ha poi costretto il quattro volte campione iridato a girare molto nel pomeriggio per raccogliere dati importanti nella comparazione tra le gomme 2019 e 2020. Sebastian ha ottenuto il proprio miglior tempo, un 1’37″991 valevole per la seconda piazza assoluta, montando gli pneumatici dell’anno prossimo a mescola C5, dunque i più morbidi in assoluto portati da Pirelli per questa due giorni di test.

La scuderia di Maranello ha chiaramente approfittato del tempo a disposizione per effettuare anche delle prove aerodinamiche a velocità costante in modo da trovare una soluzione alle criticità emerse quest’anno in curva in vista del Mondiale 2020. Difficile in generale da interpretare le prestazioni ed il lavoro condotto da vari team, infatti non deve assolutamente ingannare il settimo posto di Max Verstappen con la Red Bull a 2″8 dalla vetta. L’olandese classe 1997 ha girato più di chiunque altro quest’oggi con un totale di 153 giri percorsi (quasi il triplo della distanza di gara ad Abu Dhabi), inoltre ha stampato il suo miglior tempo con gomme C3 del 2020, quindi due step più dure rispetto a tutti quelli che lo precedono (tranne Bottas).

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Lapresse