GIOVANILI- “Talenti lontani dalla Campania”: ecco le loro prestazioni nel week-end del 9-10 settembre

Giovanili- Di seguito un’analisi delle prestazioni che in questa stagione tanti giovani calciatori stanno fornendo fuori dalla Campania.

 

Nella scorsa sessione di mercato molti “scugnizzi” di prospettiva hanno lasciato la Campania per cercare fortuna nel resto della nostra penisola. Da Diego Acunzo e Antonio Granata, ex giocatori della Primavera del Napoli, a Gaetano Maranzino e Alessandro Tripaldelli attualmente in forza rispettivamente alle formazioni Primavera di Spal e Juventus, sono molti i talenti che potrebbero, a breve, debuttare nel calcio che conta.

Vi proponiamo un primo resoconto relativo alle gare dello scorso  week end, ricordando che siamo appena alle prime giornate di campionato e le cose potranno rapidamente ribaltarsi.

Salvatore Tazza- Da qualche settimana veste la maglia amaranto della Reggina in Serie C in prestito dal Benevento calcio. Per il ragazzo originario di Napoli il debutto tarda ad arrivare in quanto, fino ad ora, sono arrivate soltanto tre panchine nei match contro Rende e Paganese, in trasferta, e in casa contro il Catanzaro.

Aldo Caiazza- In regime di svincolo dal Napoli nell’estate 2016, il difensore Caiazza lascia anche Benevento nella scorsa sessione di mercato. Qualche settimana fa per il classe ’99 si è concretizzato il trasferimento nell’Udinese Primavera, ma nella 1°g. di campionato persa contro l’Inter per 2-0 il ragazzo ha osservato i compagni dalla panchina. In una società che crede molto nei giovani stranieri l’ex sannita dovrà battersi non poco per ritagliarsi spazio nello scacchiere friulano.

Alessandro Tripaldelli- Qualche anno fa è stato un grande rimpianto del Napoli, ma anche di molti altri club italiani e stranieri. Ora, il terzino cresciuto l’anno scorso nella Primavera bianconera sotto la guida di mister Fabio Grosso, recita un ruolo importante sull’out sinistro difensivo della formazione di mister Dal Canto. Anche la Nazionale, da qualche anno, punta su di lui avendo effettuato tutta la trafila. Il ragazzo deve solo stare bene fisicamente per dimostrare costantemente il suo indiscusso valore tecnico.

Diego Acunzo- L’ex n.10 della Primavera del Napoli è stato autore, nella scorsa stagione, di un buon campionato agli ordini di mister Saurini. Lo “scugnizzo” si è trasferito a luglio scorso in serie C alla Fermana, in prestito dal Napoli, ma nelle gambe ha solo 10 minuti giocati contro il Ravenna in occasione della prima giornata di campionato. Si resta in attesa del salto di qualità.

Alessandro Carnicelli– A Terni ancora lo ricordano per un suo gol-capolavoro che è valso agli Allievi della Ternana la prima partecipazione storica ai play off. Ora, il ragazzo di Afragola, è al suo secondo anno consecutivo nella Primavera del Cesena. Nella scorsa stagione, dopo aver sofferto in panchina nel girone d’andata, è stato superlativo in quello di ritorno impadronendosi della fascia sinistra. Sabato 9 settembre il Cesena ha perso in casa contro il Cittadella nel match valido per la 1°g. di campionato, l’esterno Carnicelli è subentrato sul terreno di gioco soltanto al 67′.

Antonio Granata- L’ex capitano della Primavera azzurra è passato alla Sicula Leonzio in serie C, dopo aver vissuto l’esperienza in Youth League con i partenopei. I siciliani di mister Rigoli hanno osservato un turno di riposo alla 1°g., alla 2°g. hanno sconfitto il Matera, mentre qualche giorno fa hanno impattato 3-3 a Trapani, ma per Granata non sono giunte ancora convocazioni ufficiali in squadra.

Gaetano Maranzino- Qualche anno fa Maranzino si è trasferito nelle giovanili dell’Inter, poi nella scorsa estate il centrocampista è passato alla Primavera della Spal. Gli estensi lo hanno confermato nella rosa biancazzurra anche per la stagione 2017/18 e sabato 9 settembre ha disputato tutta la gara contro la Pro Vercelli nella 1°g. del Campionato Primavera.

Davide Merola- L’attaccante con le movenze “alla Montella” non ha bisogno di presentazioni: vice-campione d’Italia nella stagione 2015/16 con l’Inter U17 sotto età, campione d’italia due mesi fa con la stessa maglia nerazzurra U17. Punto fermo della Nazionale Under 17 italiana, il giovane talento cresciuto nella scuola calcio Capua circa 36 ore fa ha già realizzato la prima rete stagionale con la Primavera interista.

Gianluca Sbordone-Biagio Morrone- Attaccante il primo, centrocampista il secondo, cresciuti rispettivamente nel Capua e nelle giovanili del Benevento. Da molti anni sono punti fermi a Vinovo del vivaio bianconero, quest’anno sono al debutto nella Primavera. Contro il Bologna, in occasione della 1°g. di campionato, soltanto panchina per Morrone, mentre Sbordone non figurava tra i convocati.

Pasquale Messina– Il classe 2000 ha lasciato Napoli per giocarsi le sue possibilità con la Primavera del Parma. Arrivato in Emilia agli inizi d’agosto, l’esterno d’attacco si accomoda in panchina contro il Carpi senza entrare nel match terminato 0-0. Messina scalda i motori con l’obiettivo di debuttare nelle prossime gare con la maglia dei crociati.

Marco Curto- Partito dalla Juve Domizia, ma cresciuto nelle giovanili del Milan, il classe ’99 gioca tutta la gara in difesa con il suo “nuovo Empoli”. Purtroppo il Novara rifila tre reti ai toscani mettendo a nudo qualche limite difensivo della squadra di mister Lamberto Zauli.

Gabriele Corbo- Cresciuto tra le scuole calcio Damiano Promotion e Calcio Azzurri di Torre Annunziata, Corbo sta vivendo la sua quarta stagione con la maglia delle giovanili dello Spezia calcio. Dopo aver effettuato la preparazione con la prima squadra nel luglio scorso, per il difensore classe 2000, già nel giro della Nazionale U18 italiana, sabato scorso è arrivata la prima gara da titolare in campionato con la Primavera dei liguri uscita vittoriosa per 4-2 sul campo del Venezia.

Piero Vetrone

One thought on “GIOVANILI- “Talenti lontani dalla Campania”: ecco le loro prestazioni nel week-end del 9-10 settembre

  1. Se dovete menzionare dei calciatori menzionateli tutti altrimenti date delle informazioni non complete hai media Buona giornata

Comments are closed.