Pubblicato il: 14 Dicembre 2019 alle 10:51 pm

Giovanna Abate: “Non mi fido di Giulio Raselli, gli ho chiesto di scegliermi per provocarlo”

Loading...

Giovanna Abate si è sfogata sulle pagine di ‘Uomini e Donne Magazine’. La corteggiatrice di Giulio Raselli ha fatto chiarezza su alcune tappe del suo percorso e ha manifestato le sue perplessità circa alcuni atteggiamenti del tronista: Voglio una relazione costruita su basi solide, perché non voglio più interpretare la parte dell’investigatore privato come mi è già successo in passato: non posso permettermelo per la mia serenità”.

Perché ha chiesto a Giulio Raselli di sceglierla

Giulia D’Urso ha lasciato lo studio di ‘Uomini e Donne’ dopo la segnalazione secondo la quale avrebbe baciato un altro. Raselli non è apparso intenzionato ad andare a riprenderla. Giovanna Abate, allora, gli ha chiesto: “Perché non mi scegli?”, ma il tronista ha replicato che farlo in quel momento sarebbe significato sminuirla. A ‘Uomini e Donne Magazine’, Giovanna ha spiegato:

La mia era una pura provocazione: non avrei mai accettato che Giulio mi scegliesse in quel modo. Volevo vedere i suoi occhi e ascoltare come si sarebbe giustificato. Ho capito che lui tiene a quel momento, non vuole che passi come qualcosa di poco sentito, indipendentemente dal fatto che ci sia io o un’altra dall’altra parte. Senza Giulia non accetterei di arrivare a una scelta, perché fino a qualche puntata fa Giulio continuava a rincorrerla nonostante dicesse di avere conosciuto solo una piccola parte di questa ragazza. Io non voglio andare a casa con un uomo che non si è tolto tutti i dubbi”.

Giovanna Abate non si fida del tronista

Giovanna Abate, poi, ha detto di fare fatica a fidarsi di Giulio Raselli. Sin dalle prime esterne, a suo dire, il tronista non sarebbe riuscito a trasmetterle sicurezze: “Se mi fido di lui? No, perché non mi permette di farlo. La prima volta che sono uscita in esterna con Giulio gli dissi che a pelle non mi trasmetteva sicurezze. La sua risposta fu: ‘Con il tempo arriveranno’. Sono passati circa tre mesi e tutto quello che mi porto a casa sono ancora più incertezze. […] Quando mi ha detto che non si fidava di me, ho cercato in tutti i modi di fargli cambiare idea, al punto tale che oggi dice di aver conosciuto tutto della mia persona. Lui, però, non ha ancora saputo fare lo stesso e non ne so il motivo”.