NBA 2020, i risultati della notte (5 marzo). Melli forza l’overtime, ma i Pelicans cedono a Doncic e Porzingis. Ok i Thunder di Gallinari

Notte di notevole interesse in NBA, con nove partite disputate, un supplementare nella partita più attesa e Nicolò Melli e Danilo Gallinari, ognuno a proprio modo, protagonisti nel determinare gli andamenti dei loro incontri. Andiamo a vedere quanto accaduto sui parquet d’America.

Tra Dallas Mavericks e New Orleans Pelicans tutti si aspettavano il duello tra Luka Doncic e Zion Williamson, e tale in sostanza è stato, con la 22a tripla doppia dello sloveno (30 punti, 17 rimbalzi e 10 assist, mai nessuno come lui ai Mavericks: superato Jason Kidd) e la prova da 21 punti della prima scelta del draft. Nel 127-123, però, i protagonisti sono stati (anche) altri: Kristaps Porzingis, con 34 punti e 12 rimbalzi, Seth Curry con 21, Brandon Ingram e Lonzo Ball, rispettivamente a quota 27 e 25, e Nicolò Melli. Quest’ultimo di punti ne realizza solo tre con 1/9 dal campo, ma non sono tre qualsiasi: la tripla dall’angolo e con le mani di Porzingis in faccia servono a mandare il match all’overtime, poi perso dai Pelicans.

Vittoria senza particolari patemi per gli Oklahoma City Thunder al di là del risultato finale contro i Detroit Pistons (107-114), con Shai Gilgeous-Alexander che mette a segno 27 punti, Dennis Schroder che ne realizza 23 e Danilo Gallinari che chiude a quota 19. Inutili, per i Pistons, i 29 di Christian Wood. Anche i Boston Celtics vincono fuori casa, superando i Cleveland Cavaliers per 106-112 con 32 punti di Jayson Tatum, alla quinta partita consecutiva oltre quota 30. Inutili i 41 di Collin Sexton.

Dopo il tira e molla dei primi due quarti, i Milwaukee Bucks si liberano definitivamente degli Indiana Pacers nella seconda metà di gara: 119-100 il risultato finale, con Giannis Antetokounmpo che si prende la scena per mezzo dei suoi 29 punti e 12 rimbalzi. Dall’altra parte 18 per T.J. Warren. Vincono invece sul filo di lana i Miami Heat, con Aaron Gordon che sbaglia la tripla dell’overtime. Gli Orlando Magic perdono 116-113, e il protagonista non troppo atteso è un clamoroso Duncan Robinson da 27 punti con 9/12 da tre. La franchigia segna il proprio record di tiri segnati dall’arco (22/44). Per i Magic non bastano 35 dalla panchina di Terrence Ross.

Loading…
Loading…

I Memphis Grizzlies, tanto per non essere da meno, realizzano anche loro il proprio record di canestri da oltre l’arco nel 79-118 con cui travolgono i Brooklyn Nets. In questo caso il dato è un 20/44, nel quale emergono i 19 di Josh Jackson, i 18 di Tyus Jones e i 15 di Ja Morant. Per i Nets 15 di Taurean Prince. I New York Knicks vedono violato il Madison Square Garden per mano degli Utah Jazz: 104-112 il punteggio finale con gli ospiti che fanno leva sui 23 punti di Bojan Bogdanovic e Donovan Mitchell e sulla doppia doppia da 18 e 14 rimbalzi di Rudy Gobert. Non bastano ai Knicks i 32 e 11 di Julius Randle.

I Minnesota Timberwolves, con 24 punti di Malik Beasley, risolvono una partita equilibrata con i Chicago Bulls per 115-108. Malik Beasley dice 24, con D’Angelo Russell che aiuta mettendo a segno 19 ulteriori punti. Per i Bulls inutili i 26 punti di Coby White. La notte viene chiusa con i botti dai Portland Trail Blazers, che nel liberarsi per 125-104 dei Washington Wizards mandano tutto il quintetto in doppia cifra e quattro uomini oltre i 20 punti. I migliori: Carmelo Anthony (25) e Hassan Whiteside (24 con 16 rimbalzi). Per i Wizards 29 di Bradley Beal.

Questi i risultati della notte NBA:

Cleveland Cavaliers-Boston Celtics 106-112
Detroit Pistons-Oklahoma City Thunder 107-114
Milwaukee Bucks-Indiana Pacers 119-100
Miami Heat-Orlando Magic 116-113
Brooklyn Nets-Memphis Grizzlies 79-118
New York Knicks-Utah Jazz 104-112
Minnesota Timberwolves-Chicago Bulls 115-108
Dallas Mavericks-New Orleans Pelicans 127-123 dts
Portland Trail Blazers-Washington Wizards 125-104

CLICCA QUI PER TUTTE LE NEWS SUL BASKET

federico.rossini@oasport.it

Clicca qui per seguire OA Sport su Instagram
Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook

Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: LaPresse