P. Pardo (Mediaset): “Higuain è il vero motivo del “Big Bang” di questo Napoli, un crack del campionato italiano”

 
 
   

PIERLUIGI PARDO 124589A Radio Crc nella trasmissione “Si gonfia la rete” di Raffaele Auriemma è intervenuto Pierluigi Pardo, giornalista: “Tutto il mio sostegno va ad Insigne, il Napoli deve essere più forte di questi imprevisti, l’augurio che gli faccio con il cuore è che come altri campioni possa tornare in campo più forte di prima.

Ieri il Napoli, nel match con la Fiorentina, aveva un coefficiente di maggiore difficoltà, riconfermarsi è più difficile di sorprendere o fare risultato isolato. Sembra che il vento stia paradossalmente cambiando, inoltre la fase difensiva che non era all’altezza di quella offensiva è nettamente migliorata. Questi dati sono un grande inizio per il Napoli, che ora deve continuare a confermarsi.

La distanza dalla Juve è importante, ma il campionato è lungo. Le critiche iniziali erano legate al fatto che il Napoli non trovava la quadra, ma se dimostra di essere questo delle ultime tre partite, allora  può dire la sua in questo campionato. L’elemento trainante della difesa è Koulibaly, Albiol è di enorme qualità ma è un follower. Abbiamo parlato tanto del caso Hamsik, la sua qualità migliore è il senso dell’inserimento con i numeri da attaccante in fase realizzativa, non è un leader da gestione del centrocampo. Con la Roma è stata, per gli spazi a disposizione, la partita perfetta per Hamsik. Ieri l’ho visto sottotono, ma sta tornando ad esaltarsi negli spazi, sta dimostrando di aver definitivamente alle spalle l’infortunio, ma molto dipende anche dall’aggressività complessiva della squadra. Gonzalo Higuain è il vero motivo del “Big Bang” di questo Napoli, un crack del campionato italiano, come Tevez. La Roma non ha un giocatore come il Pipita o Tevez. L’argentino ha svegliato il Napoli, c’è una corrispondenza diretta tra le prestazioni di Higuain e quelle del Napoli”.

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Avatar

About Fabio Sorrentino

Il Napoli è la mia unica fede