Verso la Coppa del Mondo: quali saranno le favorite per la vittoria finale?

   

Mancano ormai pochi mesi all’inizio della prossima edizione della Coppa del Mondo, che si terrà in Qatar, e già gli appassionati si lanciano nelle previsioni riguardo alla possibile vincitrice. Con gli ultimi posti ancora da assegnare, ecco qual è al momento il quadro prospettato dagli analisti.

Mondiali in Qatar, sarà l’anno del Brasile?

Prima edizione a svolgersi completamente in inverno, dal 21 novembre al 18 dicembre 2022, quella dei mondiali qatarioti sembra essere l’occasione giusta per il Brasile per ritornare finalmente al titolo. Considerati da più parti come i favoriti, i verdeoro puntano su nomi del calibro di Gabriel Jesus, Vinicius Junior e Casemiro per riportare in sud America un trofeo che manca ormai dal 2002. Stando però alle quote attualmente in essere, la nazionale carioca dovrà tenere lontana una vasta concorrenza, che vede in prima fila la Francia di Pogba, Mbappé e Benzema.

La sfida tra Brasile e Francia che ha infiammato già diverse competizioni mondiali sembra essere, per il momento, quella più accreditata dagli esperti. Anche i portali che si occupano delle quote per le scommesse sui mondiali 2022, infatti, forniscono quote piuttosto basse per queste due squadre, che almeno sulla carta partono come favorite per la vittoria finale. Se per i brasiliani, però, è forte la pressione per un titolo che manca da 20 anni in bacheca, diverso è lo stimolo per i transalpini, chiamati al contrario a bissare la vittoria di soli 4 anni fa.

Spagna, Argentina e le altre: chi potrà insidiare le favorite del momento

Le edizioni degli anni passati ci hanno insegnato che non sempre chi parte favorito riesce a portare a casa l’ambita Coppa del Mondo. Ecco dunque che risulta molto interessante anche la posizione delle possibili “outsider”: si parla ovviamente di squadre di altissimo valore, ma che al momento non vengono considerate al pari di Brasile e Francia. È il caso, per esempio, della Spagna, dell’Inghilterra e dell’Argentina, con addirittura queste ultime due che non alzano il trofeo rispettivamente dal 1966 (come ricordava Fanpage in occasione della finale degli ultimi Europei) e dal 1986.

Speranze anche per il Belgio, che tuttavia pur partendo favorito nelle ultime edizioni degli europei e dei mondiali non è mai riuscito realmente a sfondare, per la Germania e per l’Olanda. Discorso diverso, invece, per Italia e Portogallo, quotate comunque nel gruppo di coloro che puntano al titolo in finale ma con una qualificazione ancora in bilico per via degli spareggi.

Mondiali 2022, quali chance per l’Italia?

Dopo essersi complicata la vita nel girone di qualificazioni, la nostra nazionale vive mesi difficili in cui dovrà preparare al meglio gli spareggi del 24 e 29 marzo. Prima di poter pensare al viaggio in Qatar, infatti, il CT Mancini e i suoi dovranno prima scongiurare il pericolo della mancata qualificazione battendo la Macedonia del Nord e, nell’eventuale finale, la vincente tra Portogallo e Turchia (il quadro completo degli spareggi è disponibile sul sito della UEFA).

Solo in questo caso, infatti, gli azzurri avranno il pass per partecipare ai campionati mondiali e tentare, un po’ come accaduto negli ultimi europei, di sorprendere gli esperti con un percorso perfetto. Proprio agli europei, i nostri hanno dimostrato carattere e spirito di gruppo, fattori fondamentali per superare questo momento complicato e per giocarsi il tutto per tutto nel ricco emirato: in caso di qualificazione, le chance per arrivare in fondo ci sono, ma occorrerà combattere con le unghie e con i denti contro avversari che risultano tecnicamente superiori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×