Zeman: “Mi aspettavo di più dal Napoli di Ancelotti, ma c’è un’attenuante. Juve? Con CR7 peggiorata per un aspetto”

 
 
   

Zeman sul Napoli di Ancelotti e non solo. Il boemo parla anche della Juve alla Gazzetta dello Sport:

Zdeněk Zeman è stato anche allenatore del Napoli, nel 2000, anno della risalita in Seria A. Esperienza terminata qualche partita dopo, con l’ esonero e la relativa sostituzione. Al suo posto arrivò Emiliano Mondonico, recentemente scomparso. Il tecnico boemo è anche l’ autore dell’ esplosione di Lorenzo Insigne, quando lo ha avuto come attaccante prima a Foggia e poi a Pescara.

Ma Zdeněk Zeman viene ricordato anche per la sua battaglia contro la Juventus, quando a metà degli anni 90 fece scoppiare lo scandalo doping con alcune dichiarazioni che accesero i riflettori sulla vicenda. Da allora Zeman ha ribadito più volte il concetto accusando i bianconeri per quel periodo in cui, a suo dire, “entravano in farmacia”. Zeman parla in un’i ntervista rilasciata ai microfoni de ‘La Gazzetta dello Sport’.

“È stata una stagione brutta, perché in 50 anni sono stato fermo poche volte. In più non è stato un anno di grande calcio in Italia. Da chi mi aspettavo di più? Forse dal Napoli di Ancelotti, ma aprire un nuovo ciclo non è facile. L’Inter si ritrova a lottare fino all’ultimo come l’anno scorso. Ha costruito poco. Mi aspettavo un calcio migliore. Juventus? Con Ronaldo non c’è stato il salto di qualità, senza di lui aveva raggiunto due finali di Champions”.

La risposta di Zeman alla domanda tra risultatisti e giochisti è scontata: “Un allenatore deve cercare di far divertire la gente. I risultati sono la conseguenza di quello che proponi. Chi gioca bene a lungo andare vince. SuperChampions? Ammazzerebbe i campionati. È una corsa solo ai soldi ma il calcio per me è la passione della gente che può assistere alle partite. Trovo giusta la protesta dei club contrari”.

Sullo stesso argomento:
Napoli, De Laurentiis: “Stasera ringrazierò Ancelotti per la stagione. Era difficile cambiare gioco dopo Sarri”

Sempre sullo stesso argomento:
Belgio, il ct del Belgio Martinez: “Mertens? Non solo assist e gol, la qualità migliore è un’altra”

Potrebbe interessarti anche:
Corbo: “Scoperto il sistema clausola Ancelotti. Ilicic? Sono perplesso. Se Sarri va alla Juve vince il Napoli”

Oppure potrebbe interessarti anche:
Qatar 2022, dietrofront Fifa: Il mondiale sarà a 32 squadre. E si giocherà da novembre a Natale

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *