Pubblicato il: 12 Novembre 2017 alle 5:33 pm

Benevento Under 17- Nella ripresa i ragazzi di mister Bovienzo decidono di fare sul…Serio

Under 17

Benevento- Dopo alcune sconfitte consecutive i 2001 di mister Bovienzo colgono un successo contro il Palermo dell’ex Ignoffo.

Benevento – Palermo 2-1

Benevento (4-3-3): Stasi; Peluso, Di Ronza, Pastina, De Siena; Russo (39’st Mirante), Landolfi (23’st Mancino), Federico; Sanogo, Dublino (39’st Di Serio), Onda (1’st Strianese). A disp. Carriero, Di Palma, Pepe, Pignatelli, Lenzi. All. Bovienzo

Palermo (3-4-3): Bruno; Castiglione, Flaccovio, Fradella; Rizzo, Garofalo, Lo Re, Caffaro; De Stefano (36’st Cillufo), Correnti (36’st Buongarzoni), Preti (20’st Romeo). A disp. Giappone, Pace, Filippone, Zanghi, Prestigiacomo, Kociaj. All. Ignoffo

Marcatori: 37’pt Caffaro (P), 19’st Peluso (B), 43’st Di Serio (B)

Chiamatela zona Di Serio. Sì, perché come accaduto in occasione della sfida contro il Crotone l’attaccante giallorosso ha trovato la zampata vincente, quella che vale la vittoria e la fine della serie di tre sconfitte consecutive. Contro il Palermo dell’ex Ignoffo non è bastato mantenere il pallino del gioco per quasi tutta la gara. E’ servito gettare il cuore oltre l’ostacolo, come questa squadra è abituata a fare quando le cose non sembrano andare per il verso giusto.

La vittoria serviva come il pane. In settimana Bovienzo ha chiaramente detto che occorreva un risultato positivo per rilanciare gli entusiasmi, anche perché i suoi ragazzi non sono abituati a perdere. Lo spirito giusto si è visto in campo sin dall’inizio, con il Benevento che ha fatto girare palla alla ricerca dei varchi giusti. E’ stato difficile perché il Palermo era chiuso bene, con una linea di cinque difensori e i due centrocampisti a supporto. Per trentacinque minuti l’inevitabile leit motiv della partita è stato un lungo dialogare tra Pastina e Di Ronza che, all’altezza del centrocampo, provavano a lanciare per gli attaccanti, i quali si infrangevano sul muro siciliano. La prima azione degna di nota è avvenuta con Dublino che ha sfiorato il palo alla destra del portiere direttamente su punizione. Due minuti più tardi il Palermo è passato inaspettatamente in vantaggio in seguito a uno svarione difensivo di Stasi che ha permesso a Caffaro di insaccare senza difficoltà.

Questa marcatura poteva rappresentare già il colpo del ko per una squadra reduce da tre sconfitte e con il morale non altissimo. Invece negli spogliatoi Bovienzo ha caricato i suoi ragazzi e ha gettato nella mischia Strianese al posto di Onda.

Il Benevento ha continuato a giocare e al 19′ è riuscito a pareggiare con Peluso che, in seguito a un rimpallo, ha gonfiato la rete sugli sviluppi di un calcio piazzato.

Nei minuti successivi c’è stata una vera e propria lotta in mezzo al campo. Il pareggio era stretto soprattutto ai giallorossi che hanno cercato in tutti i modi di passare in vantaggio. Il gol è arrivato all’ultimo respiro: sugli sviluppi di un corner la palla è arrivata a Di Serio che ha insaccato alle spalle di Bruno. Come contro il Crotone, l’arbitro ha fischiato la fine proprio mentre tutti accorrevano ad abbracciare l’attaccante di Trento, ancora una volta per la conquista di tre punti pesantissimi. L’under 17 è tornata a vincere.

 

fonte: ottopagine