Carlo Ancelotti deve restituire passione e risultati

ancelotti tweet
   

Nell’edizione odierna de Il Corriere dello Sport si punta tutto sull’esperienza di Carlo Ancelotti per ritrovare passione e risultati

Ancelotti. E’ lui l’unico che può risolvere, con il suo savoir faire e la sua esperienza, la crisi in cui è piombato il Napoli.

“Non ci si può distrarre un attimo per accorgersi di essere usciti dall’anticamera del Paradiso ed essere stati scaraventati all’inferno. Prima ancora che il fuoco restituisca solo macerie, l’unico richiamo possibile, in una città che si riscopre sottosopra è nella magia di quella fusione sparita da un momento all’altro. Un giorno all’improvviso quelle svariate sfumature d’azzurro sono evaporate, la chimica che ha portato a credere realizzabile qualsiasi sogno è frantumata da una divisione un pò netta ed assai nostalgica che ha scavato un solco ed ha lasciato nel San Paolo di Napoli-Genoa appena 22.947 spettatori. Ora l’orizzonte è fosco e non è possibile allungarci lo sguardo, al di qua o al di là dei rischi di Ancelotti, della fiducia a termine che rientra nella parabole impazzite ma possibili di questo mondo che stavolta sfiora persino una Leggenda del calcio, il modulo, il sistema, l’ammutinamento, il rimpianto, il talento sfregiato, diventano argomentazioni laterali e Napoli può riappropriarsi di se stesso, d’un ruolo che leggittimanente ha invocato e s’è guadagnato, e che ora va difesa ripartendo dalle viscere del calcio: la passione.”

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Bucchioni: “Adl si è incartato, con Ancelotti tutta la rosa è calata nel rendimento”

Ronaldo lascia lo Juventus Stadium in anticipo. Il portoghese rischia la sanzione

Daily Mail durissimo con ADL: “Complesso da semidio… Spettacolarizzare è ciò che gli riesce meglio!”

Juventus-Milan, gli highlights del match – VIDEO

Biscardi: ”Mertens all’Inter? Potrebbe sostituire Sanchez”

Mario Scala

Il grande giornalista pone le domande giuste per far emergere ciò che altrimenti resterebbe nascosto.

View all posts by Mario Scala →