Maradona Jr: “Non ho mai voluto la morte di mio padre”

NAPOLI – Diego Armando Maradona Jr, figlio del Pibe de Oro, ha rilasciato un’intervista ai microfoni di “NapoliMagazine.Com”.

– Suo padre ha dichiarato che è nella sua black list…

“Sinceramente questa frase mi ha sorpreso. Inizialmente mi ha dato fastidio, poi ho provato solo tenerezza. Da quando sono nato non ho mai fatto nulla per essere inserito in nessuna black list, figuriamoci nella sua. Non ho mai parlato male di lui ed ho sempre provato a capire il suo atteggiamento nei miei confronti, anzi a dir la verità ho sempre cercato di instaurare un rapporto lontano dai riflettori. Ho visto l’intervista, ha utilizzato termini eccessivi che, però, in tutta onestà, non so da dove possano essere nati”.

– Ha anche dichiarato che tutti lo vorrebbero vedere morto, escluse le due figlie…

“Ed è una dichiarazione assurda. Per quanto mi riguarda non ho mai voluto la sua morte e non desidero certamente una cosa del genere, non rientra nel mio modo di essere e di pensare. Ho letto sulla stampa argentina che non è al top della condizione fisica, se è così mi auguro che possa riprendersi presto”.

– Cosa risponde a chi, come lui, sostiene che non deve riconoscerle nulla?

“Quando lo incontrai a Fiuggi, tanti anni fa, gli spiegai che volevo solo un contatto con lui. Dai miei 25 anni, pur non essendo ancora autosufficiente, ho firmato un documento in cui ho rinunciato al suo mantenimento. Non ho mai dato peso ai suoi soldi, per me il rapporto umano viene prima di tutto”.

– Da poco si è sposato, come immagina il rapporto con un suo futuro figlio?

“Il mio sogno è di costruire una famiglia con mia moglie, sono molto contento di aver trovato una donna così, mi ritengo fortunato. Non sono mai stato padre, ma posso semplicemente promettere di dargli tutto l’amore che un figlio merita”.

Fonte: Napoli Magazine

Dario Catapano

Laureato in giurisprudenza e giornalista dal Febbraio 2014. Nelle cose che faccio ci metto il cuore...e la faccia! Facebook: https://www.facebook.com/dario.catapano1 Twitter: @DarioCatapano

View all posts by Dario Catapano →