Mercato Serie A – Allarme “musi lunghi”, c’è una deadline

   
mercato serie a
   

Mercato Serie A – Il direttore de Il Corriere dello Sport Ivan Zazzaroni ha pubblicato un editoriale in cui fa riflettere su quanto possa essere pagante andare contro gli attacanti scontenti.

Mercato Serie A – Zazzaroni accende i riflettori sui musi lunghi di attaccanti come Icardi e Dzeko che vogliono lasciare i rispettivi club. Nella girandola c’è anche il Napoli, il presidente De Laurentiis non ha mai nascosto il suo  interesse per Mauro Icardi.

Musi lunghi

“Il muso lungo di Dzeko che a trentatre anni se ne vuole andare. Quello lunghissimo di Icardi che a ventisei non se ne vuole andare, bensì se ne deve andare. In mezzo il Napoli, la Roma e la Juve.”

Icardi

“Icardi, ora. Per lui non esiste uno ieri e nemmeno un oggi, soltanto un domani chissà dove: en attendant Fabiò (Paratici) e dopo essersi scambiato un paio di messaggi con Ancelotti, si è preso un’altra settimana di riflessione. Sette giorni che – potenza delle coincidenze temporali – potrebbero servire alla Juve per liberarsi di Manduzkic, Rugani, Perin, Can oppure per fare soldi con Dybala – musi lunghi anche a Parigi: quello di Neymar e della sorella che ha dato dei “coglioni” ai contestatori del fratello.”

Dzeko

“Mi soffermo sulla Roma e su Dzeko: quasi tutti gli osservatori sono convinti che Pallotta non sia in grado di soddisfare le “pretese” di Inter e Icardi (al plurale) e allora mi domando perché il club non possa far rispettare il contratto a Dzeko che è il centravanti più completo del campionato oltre che il più funzionale al gioco di Fonseca. Dubito che il bosniaco possa mettersi di traverso. In primo luogo perché è un professionista serio e poi perché è ancora in corsa per la fase finale dell’Europeo e non può concedersi rallentamenti, pause, scioperi bianchi. La Roma ha la forza di un accordo ancora validissimo (tralasciamo gli errori commessi in passato da Monchi, la cessione saltata al Chelsea e la richiesta di spalmatura avanzata a gennaio: Edin guadagna 5,5 netti più i premi) e sa bene che, se messo alle strette, Dzeko lo rispetterebbe – come fece qualche anno fa Ballack arrivando a scadenza col Bayern e non facendosi mancare mai.

Dead line

“Dzeko dovrebbe essere portato ad esempio di correttezza in questa estate di rotture, rifiuti, allontanamenti volontari, rivolte minime ma di effetto, eterni precari. Restando, sarebbe peraltro accarezzato dall’affetto di una tifoseria che ancora oggi, nonostante il muso lungo, lo applaude. Il D-day è il 25 agosto: se Dzeko indosserà maglia e fascia di capitano della Roma contro il Genoa non sarà per una sola giornata.”

Resta aggiornato sul Napoli sul nostro sito, leggi anche:

Llorente-Napoli – Avviati i contatti con il fratello-agente

Antonio Corbo: “Prendere James sarebbe un atto di coerenza”. Poi lancia un appello ad Ancelotti

Icardi-Napoli – Non si esclude un summit con Wanda Nara nei prossimi giorni

Lozano – La ‘bambola assassina’, estro, gol e determinazione

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *