Napoli, per i tifosi è già un idolo, per Benitez un insostituibile. Koulibaly non conosce il significato della parola turnover

   

KOULIBALY 2009L’edizione della Gazzetta dello Sport in edicola oggi, dedica alcune colonne al nuovo acquisto della difesa del Napoli, Kalidou Koulibaly:

“Per i tifosi azzurri è già un idolo, per Benitez un insostituibile. Nelle dieci gare ufficiali disputate sin qui è sempre partito titolare e non è mai stato sostituito. In pratica, è l’unico giocatore del Napoli che non conosce il significato della parola turnover (ovviamente insieme al portiere Rafael) e che sembra non avvertire la stanchezza (944’ in campo, recuperi compresi). Anzi, domenica sera contro il Torino è stato tra i migliori contribuendo a dare solidità a un reparto troppo spesso ballerino nel quale non era facile inserirsi. Invece, Koulibaly ci ha messo tre mesi per diventare grande, dimostrando di saper abbinare alla forza fisica anche una discreta tecnica con entrambi i piedi (non a caso viene schierato sempre sul centrosinistra pur non essendo un mancino naturale). Inoltre sa farsi valere anche in area avversaria: suo, infatti, l’unico gol segnato da un difensore del Napoli in questa stagione (stacco perentorio per il momentaneo 1-0 sul Palermo). Intanto, è pronto a sostenere l’esame San Siro. Quello di italiano lo ha superato brillantemente, la lingua per lui non rappresenta più un problema. Ha iniziato a studiarla a febbraio, quando per la prima volta ha messo piede a Castelvolturno (bravo Bigon a bloccarlo già nel mercato invernale). Quel giorno Benitez pranzò con Koulibaly, improvvisamente prese dei bicchieri e cominciò a spiegargli i movimenti che chiede ai difensori centrali. Il francese li ha mandati a memoria per mesi. Così è diventato inamovibile”

Carmine Gallucci

360 gradi è l'angolazione minima con cui osservo il mondo. Twitter: @CarmineGallucci

View all posts by Carmine Gallucci →

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×