Non più Cragno nei piani del Napoli, ma Meret. Insigne non scende sotto i 4 milioni per il rinnovo

   

<? the_title();?>

 Il giornalista Ciro Venerato, esperto di mercato RAI  ha parlato ai microfoni di Radio Crc sulle prossime gare contro la Juve ed il suo contestatissimo acquisto estivo: Gonzalo Higuain.

Ecco quanto detto dal giornalista sulla risposta del San Paolo: “L’indifferenza è sicuramente un atteggiamento possibile, ma fischiarlo ad ogni tocco di palla potrebbe anche condizionare la partita di Higuain, tutto ovviamente nella massima civiltà. Non ho mai visto a Napoli striscioni inneggianti a Superga, all’Heysel o a terremoti, eppure i partenopei sono sempre sotto esame”.

Rinnovo Insigne: “Intorno ai 4 milioni Insigne si siede a un tavolo, il Napoli si avvicina ai 3 milioni, ma si potrebbe arrivare a 3 milioni e mezzo. Il calciatore è fermo anche perché ha molti sponsor che lo tentano. In estate chiedeva 5.5 milioni ed adesso è sceso a 4, ma non scenderà di più“.

Meret o Cragno per il futuro? Cragno è stato visionato dal vivo ma non ha la fisicità che piace allo staff azzurro, non rientra nei canoni fisici del Napoli. Posso dire con certezza che non sarà lui il prossimo acquisto. Meret è di proprietà di un club amico del Napoli (Udinese, ndr) e piace molto allo staff azzurro. Il punto è un altro: se il Napoli punterà ancora su Reina per un anno Meret potrebbe essere un nome giusto mentre se si vuole un portiere pronto da subito”.

Schick sostituto di Milik? “Il Napoli il prossimo anno punterà ancora su Pavoletti come sostituto di Milik, anche perché Leonardo ha bisogno di una preparazione intera in azzurro. Keita? Inserimento last minute della Juve dopo l’infortunio di Pjaca: al Napoli piace molto, ma ha un carattere particolare e poi vuole 3 milioni, contratto già da top player per gli standard azzurri”.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×