Ottavio Bianchi: “Perchè il Napoli non vince? Il problema è che pensano a festeggiare un mese prima. La Juve vince il campionato ed il giorno dopo già preparano la nuova partita…”

   

L’ex allenatore del Napoli, Ottavio Bianchi è intervenuto ai microfoni di SportItalia. Ecco quanto riportato da SportAvellino:

“Sono contento della carriera che ho fatto. Portare uno scudetto a Napoli è qualcosa di leggendario. Non era facile riuscirci e ancora oggi ci sono le prove di questo, con 30 anni che il Napoli non vince uno scudetto, anche se sta arrivando sempre vicina al traguardo. Una delle tappe più importanti della mia carriera è stata Avellino. Lì fu un vero trampolino di lancio per me e per gente come De Napoli e tanti altri, che esplosero quella stagione con la mia gestione. Ma Avellino era una fucina di giovani talenti in quegli anni. Avellino mi fece crescere anche come uomo. Maradona? Ce l’avevo lì davanti in allenamento e già questo era una gioia. Perché lo Scudetto sempre al Nord? Prima di tutto la situazione ambientale e sociale che c’è. Alla Juventus vincono il campionato ed il giorno dopo sono già pronti a preparare la partita successiva, il mio problema a Napoli era che un mese prima erano già pronti a festeggiare ed anche oggi è così. Ricordo che avevamo vinto il campionato ma avevamo la finale di Coppa Italia a cui tenevo visto che avevo vinto così poco, entrai negli spogliatoi e fece finta di arrabbiarmi dicendo ‘non avete vinto nulla, già state festeggiando!’, mi guardarono come se fossi un matto”.