QUESTIONE DI MODULI – Milan-Napoli è l’allievo contro il maestro

 
 
tattica roma napoli
   

La seconda giornata del girone di ritorno vede il Napoli tornare a Milano dopo le vicende del 26 dicembre scorso. Allo Stadio San Siro domani 26 gennaio 2019 alle ore 20:30 si giocherà Milan-Napoli.

I rossoneri galvanizzati dal quarto posto e dai recenti colpi di mercato vorranno fare di certo bella figura davanti al proprio pubblico che per l’occasione ha riempito lo stadio.

Il Milan di Gennaro “Ringhio” Gattuso

L’allenatore dei rossoneri posizione i suoi uomoni con il 4-3-3. A causa dell’infortunio occorso a Pepe Reina con ogni probabilità sarà Donnarumma a difendere i pali. La linea difensiva vedrà schierato come terzino destro il ritrovato Calabria, possibile ballottaggio con Conti oppure Abate, mentre e sinistra scenderà in campo Rodriguez R. Tra i due i centrali difensivi saranno Musacchio e Romagnoli. Il terzetto di centrocampo sarà composto da Kessiè, Bakayoko e Paquetà. In attacco Gattuso schiera a destra Suso, a sinistra Calhanoglu ed al centro uno tra Cutrone ed il nuovo arrivato Piatek. In fase di possesso i due centrali del Milan restano bassi e partecipano marginalmente alla costruzione. I terzini salgono di molto, soprattutto Calabria sulla corsia di destra, verso il quale accorcia Kessiè per accompagnare. Diverso è invece l’atteggiamento dell’altra mezzala che gioca più vicino al centravanti. Le due ali si abbassano per creare spazio e contemporaneamente cercare dialogo con i terzini. I maggiori pericoli arrivano dalla corsia di destra: è da questo lato che il Milan riesce a portare più palle gol in area per il centravanti. Sui calci piazzati la principale strategia è quella di fare molta densità in area, inoltre i rossoneri ruotano di posizione ad ogni calcio  d’angolo per non dare punti di riferimento.

Il Napoli di Carlo Ancelotti

Consueto modulo per gli uomini di Carlo Ancelotti, il 4-4-2. Sarà con ogni probabilità Alex Meret l’estremo difensore per questa delicata trasferta. Dubbio in difesa tra Malcuit e Hysaj, con il francese leggermente in vantaggio, i centrali saranno Albiol e Koulibaly mentre a sinistra Mario Rui è in svantaggio su Ghoulam nelle scelte del tecnico. Centrocampo da inventare dal punto di vista tattico per fronteggiare le assenze di Allan e Rog non convocati. A destra l’inamovibile Callejon, Zielinski, oppure Diawara, affiancherà Hamsik, sarà Fabian Ruiz e chiudere la linea mediana. L’attacco sarà composto da Milik, sempre più titolare e Lorenzo Insigne che rientra dalla pesante squalifica nello stesso stadio in cui gli venne inflitta l’espulsione.

Chiave tattica

Il Napoli si troverà di fronte un Milan carico e motivato, Gattuso non ha mai ingoiato la rimonta del San Paolo, quindi ci vorrà quella che spesso viene invocata col nome di “partita perfetta”. Il Milan di solito lascia spazio alla costruzione bassa avversaria ed il Napoli dovrà velocizzare per questo la manovra. La linea di centrocampo del Milan, in fase di non possesso, si compone a 4 e la mezzala più vicina al pallone va a fare pressione sul portatore di palla solo dopo essere arretrata oltre il centrocampo. Controllare le fasce sarà di vitale importanza per tenere in mano le sorti del match, entrambi gli allenatori giocano con i terzini alti e ciò favorisce sia gli inserimenti delle mezzali che i cross verso le punte. I calciatori chiave saranno Fabian Ruiz per il Napoli e Paquetà per il Milan.

Mario Scala

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *