Repubblica – Biglietti Napoli-Real Madrid, la società azzurra si schiera con i tifosi contro i “furbetti” del web

De Laurentiis Fake Bari

L’edizione napoletana di Repubblica scrive sul caos scaturito dalla vendita dei Biglietti Napoli-Real Madrid

Gli irriducibili ci hanno provato pure ieri e hanno bussato alla porta delle varie ricevitorie nella speranza che il tagliando per Napoli-Real Madrid diventasse realtà. I più fortunati sono riusciti ad acquistare qualche biglietto degli anelli inferiori. A disposizione ormai ce ne sono pochissimi perché il sold out è un dato ormai certificato per il big match del 7 marzo. Difficile consolarsi con i prossimi due appuntamenti al San Paolo, sabato la Samp e martedì lo Spezia (Coppa Italia). La cornice sarà ovviamente inferiore anche se la risposta per entrambe le gare resta positiva (si può arrivare a 30mila con i blucerchiati e a 10mila per lo Spezia). Il Real Madrid ha un fascino diverso.

L’assalto ai campioni d’Europa e la possibilità di vivere una notte unica hanno convinto gli appassionati a rompere gli indugi con largo anticipo. Adesso bisognerà solo aspettare che scada il diritto di prelazione riservato ai 6mila abbonati: al momento solo 2500 lo hanno esercitato, ma hanno tempo fino alle 23.59 di venerdì 20 gennaio e soltanto da sabato 21 sarà possibile verificare una nuova disponibilità di biglietti. Gli esclusi rappresentano ovviamente la maggioranza e quindi le polemiche proprio non si placano soprattutto per il bagarinaggio virtuale esploso su internet nelle ultime ore.

Le proposte sono disseminate un po’ ovunque e bisogna anche stare attenti alle bufale. Su Ebay ce n’è una che se fosse confermata avrebbe dell’incredibile. Un lotto di 10 tagliandi varrebbe già 10mila euro ma l’offerta potrebbe anche servire soltanto a far lievitare l’asta. Il Codacons, dal canto suo, ha già annunciato un esposto per il secondary ticketing.

«I biglietti spariscono di fronte al pubblico e compaiono altrove con prezzi maggiorati — ha spiegato il presidente Carlo Rienzi a radio Crc — Tutto questo non è legale, così si frodano il Fisco, lo Stato e la passione della gente. Tra l’altro la vendita sui siti stranieri non permette di tracciare il tutto. Il Napoli è vittima di questa operazione fraudolenta, ma spetta alla magistratura verificare quanto accaduto ».

Rienzi invita gli appassionati a collaborare per dare forza alla class action: «Chiedo a tutti quelli che si sono sentiti lesi nel proprio diritto di inviare una mail al Codacons anche perché, quando si aprirà il processo, tutti potranno richiedere un risarcimento danni». Il club azzurro ha già definito una strategia per fronteggiare i furbetti del web: è vietato il cosiddetto cambio utilizzatore, quindi non si potrà modificare il nominativo associato ad un relativo tagliando ma soprattutto saranno previsti controlli massicci al pre-filtraggio in modo da assicurarsi che il documento e il titolo d’accesso allo stadio coincidano. E la prossima settimana saranno in vendita anche i biglietti di Madrid: poco meno di 4 mila.

Carmine Gallucci

360 gradi è l'angolazione minima con cui osservo il mondo. Twitter: @CarmineGallucci

View all posts by Carmine Gallucci →