Stadio San Paolo, patti chiari amicizia lunga. Arriva l’accordo pluriennale

   
   

Stando a quanto riportato da Il Mattino ci sarebbe stata una stretta di mano tra il patron azzurro De Laurentiis ed il Sindaco De Magistris. I segnali di pace possono portare ad una lunga convenzione:

Il disgelo tra le parti arriva grazie alla mediazione del commissario per le Universiadi Gianluca Basile che ha messo attorno allo stesso tavolo il Comune nelle vesti del capo di gabinetto Attilio Auricchio e dell’assessore Ciro Borriello e il patron per dargli la possibilità di seguire da vicino la tempistica dei lavori al San Paolo che non impatteranno con il regolare svolgimento della stagione. I temi principali da affrontare sono due: la lunghezza della convenzione e quanto pagare come canone. La cifra ipotizzata da chiedere al patron è intorno al milione. La lunghezza del patto ha come base una convenzione decennale. De Laurentiis qualche settimana fa disse che voleva l’impianto per un secolo. Una boutade? Di solito il presidente non scherza su questi argomenti. Non saranno cento anni ma qualcosa più di 10 il patron se lo aspetta. Per un motivo molto semplice: ha intenzione di investire sul San Paolo e trasformarlo in un impianto più moderno, senza pista di atletica e che possa vivere tutta la settimana e non solo quando ci sono le partite. Un modo per patrimonializzare – se anche a tempo determinato – la Società e creare nuove fonti di introiti. Cosa ci guadagnerebbe il Comune? Tanto. A cominciare da un canone sicuro, dunque una entrata fissa, per molti anni e si libererebbe probabilmente di molte spese di mantenimento dello stadio se nella convenzione, come pare assai probabile, c’entrassero gli spazi sterminati dell’impianto e i parcheggi. Nel salottino del San Paolo di tutto questo hanno parlato e lungamente Auricchio e Andrea Chiavelli, il professionista che ha in mano le chiavi della Ssc Napoli e di tutto l’impero De Laurentiis.”.

La pagina Facebook per seguire tutte le news del calcio in campania

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *