T. Iavarone (giornalista): “A Milano rimpiangono Mazzarri, il Napoli si trascina lo stesso problema”

IAVARONE 1011Toni Iavarone, giornalista, responsabile di Toniiavarone.it, è intervenuto a “NAPOLI MAGAZINE”. Ecco quanto ha affermato: “Meglio una grigia consistenza che un’effimera grande bellezza. Nel calcio italiano la vittoria è troppo importante e, spesso e volentieri, non si dà il tempo, anche minimo, per fare esperimenti. Il Napoli, tra l’altro, si ritrova ad un tiro di schioppo dalla Roma e perdersi in chiacchiere o altro, sarebbe una pericolosissima distrazione per la rimonta verso il secondo posto. Abbiamo un dilemma che ci trasciniamo dall’arrivo di Benitez che è quello della difesa, purtroppo il Napoli ha una costruzione tattica che mette a dura prova il reparto arretrato. Non amo autocitarmi, ma ribadisco che il calcio è geometria e giocare con due soli centrocampisti aumenta le difficoltà, se poi, impieghi anche elementi che non hanno nelle corde le caratteristiche adatte al gioco di Benitez, tutto diventa ancora più difficile. In questo momento, si è capovolta la situazione tra Roma e Napoli, perché non ho alcun dubbio a sostenere che la rosa azzurra è superiore a quella giallorossa, per tutti i problemi che stanno attraversando la squadra di Garcia. Il Milan non ha più la disponibilità finanziaria di un tempo e quando sei costretto a prendere solo parametri zero, non hai una scelta ampia e alzi il tetto ingaggi, la situazione dell’Inter è diversa perché Thohir sa come muoversi in ambito sportivo e sta puntando tantissimo sull’aspetto economico, ingaggiando per ora, più top manager che top player. Il problema dei nerazzurri è tutto racchiuso nel vecchio detto che mentre il medico studio, il malato muore. Oggi a Milano rimpiangono Mazzarri che forse, non aveva fatto così male perché senza i punti dell’ex tecnico partenopeo, oggi, l’Inter sarebbe in ancor più gravi difficoltà”.

 

T. Iavarone (giornalista): “A Milano rimpiangono Mazzarri, il Napoli si trascina lo stesso problema”

Fabio Sorrentino

Il Napoli è la mia unica fede

View all posts by Fabio Sorrentino →