Top & Flop – Napoli-Sassuolo: il migliore ed il peggiore azzurro in campo

Napoli-Sassuolo

Napoli-Sassuolo: gli azzurri trionfano al Maradona e portano a casa tre punti essenziali.

Ritorna a vincere il Napoli di Spalletti, che con una performance fulgente, da uno schiaffo morale alle critiche e porta a casa la vittoria che blinda il terzo posto in classifica.

Primo tempo

Inizia il primo tempo tra Napoli e Sassuolo, con una rapida reazione di Osimhen che intercetta un retropassaggio di Chiriches, avvicinandosi al gol ma impreciso. Continua il pressing alto del Napoli, che non fatica a trovare la conclusione grazie all’intuizione di Koulibaly sul calcio d’angolo di Insigne. Passa quindi in vantaggio il Napoli dopo soli 7 minuti di gioco. Osimhen senza limiti, si disloca velocemente su tutto il fronte offensivo, intercettando gli spazi. Un corner di Insigne è favorevole per il nigeriano, che batte di testa e porta il Napoli sul 2-0. Clamorosa l’azione che nasce dal recupero di Mertens cin collaborazione con Osimhen, che serve per Lozano ed insacca a pochissima distanza dalla porta! 3-0 per il Napoli! Incredibile, gli azzurri mantengono un ritmo altissimo e non concedono un attimo di respiro agli avversari: questa volta ci pensa Mertens, grazie ad un suggerimento di Mario Rui, entra in area e batte Consigli. Ancora vantaggio per il Napoli che sale 4-0. Problemi per Insigne al 23esimo, lo staff medico si addentra in campo per controllare la situazione del capitano. Dionisi corre ai ripari e piazza un cambio tattico:  Henrique per Djuricic. Spinge ancora a mille il Napoli che prova insistentemente a spiazzare il Sassuolo. Una boccata d’aria per i neroverdi carica Scamacca che subentra in area avversaria, provando a caricare il destro, ma c’è la deviazione di Rrahmani. Continua ad avanzare il Sassuolo con Raspadori che prova a calciare da fermo, ma Di Lorenzo intercetta la sfera e blocca tutto sul nascere. Ritorna alla carica il Napoli con Fabian Ruiz che calcia per Insigne, ma Consigli impedisce. Frattesi osa da fuori area, ma il pallone finisce oltre il montante. Termina così il primo tempo tra Napoli-Sassuolo, con un risultato di 4-0.

Secondo tempo

Inizia il secondo tempo di Napoli-Sassuolo con l’ammonizione di Frattesi per simulazione. Reagisce ancora il Napoli con uno scambio astuto tra Mertens e Fabian Ruiz, con il belga che torva la seconda rete e festeggia la doppietta a Napoli! Passano a 5 reti i partenopei, con nessun tiro per il Sassuolo. Provano a rialzarsi i neroverdi, ormai psicologicamente coinvolti, con Muldur che crossa per Frattesi e prova a sorprendere Ospina, ma il portiere non lascia scampo agli avversari. Berardi tenta il tiro in area con il mancino, ma la palla finisce inesorabilmente all’esterno della rete. Guadagna un calcio d’angolo Rogiero che prova il tiro, ma senza nessun risultato. Continua lo scambio tra le due squadre, con un Napoli in forma perfetta: scende in campo e si mostra al suo pubblico con una reazione di tutto orgoglio. Frena invece il Sassuolo, che sotto pressione non riesce ad emergere e trovare la conclusione. Colpisce ancora il Napoli, con Politano che tocca per Di Lorenzo, ma alla fine ci pensa Rrahmani a sbalordire Consigli e trovare il gol del 6-0. Prova ad uscire finalmente il Sassuolo, con un azione prolungata di Maxime Lopez che la piazza in area e trova il gol! 6-1 al Maradona. Finisce così Napoli-Sassuolo.

Top Mertens

Dries Mertens è il motore del Napoli: per lui non c’è critica, entra in campo e svolge il suo dovere con la giusta carica e concentrazione. Solo applausi, porta a casa la doppietta del riscatto.

Flop Mario Rui

Nessun’azione degna di nota per Mario Rui, entra in campo senza strafare e si rende utile per la squadra. Dalle sue parti non trova il bisogno di spingere a mille, portando a casa una performance eseguita bene tecnicamente.

Barbara Marino

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI  CLICCA QUI

Calciomercato: a giugno tutto su Berardi

Calciomercato: ci sono offerte per Elmas: Adl le valuterà

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Stampa e Palazzo: la sfida della Meloni e i paletti di Conte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.