Pubblicato il: 30 Marzo 2015 alle 9:28 am

Un’altra vittoria per mamma Antonella, madre di Ciro Esposito

I minuti, le ore, i giorni. Il tempo trascorso da quel tragico 3 maggio è ancora nella mente e sulla pelle di quanti erano presenti in quella maledetta trappola di Tor di Quinto. Ma anche dei parenti che da casa hanno tremato e poi tirato un sospiro di sollievo. Tutti tranne i genitori di Ciro Esposito. Oggi tutto ciò entra a far parte di un libro “Ciro Vive” scritto dalla collega Rai, Vittoriana Abate ed edito da Graus. In questo libro Antonella Leardi, madre di Ciro, vince ancora una volta il dolore e racconta i giorni della speranza e dell’angoscia, ma anche la storia di Ciro, dall’infanzia al tragico incidente a Roma.

Con questo lavoro si rende omaggio anche all’Associazione fondata dalla mamma del giovane tifoso subito dopo la morte del figlio, con l’intento e il desiderio di voler trasmettere un meraviglioso messaggio di amore e di pace, soprattutto ai più giovani. Un pensiero condiviso anche dall’editore Pietro Graus che sottolinea l’importanza della diffusione di un messaggio forte come questo: “Ciò che è accaduto il 3 maggio 2014 – ha dichiarato l’editore – si era prestato a varie interpretazioni. Ma, il volume Ciro Vive è altro: è anche un racconto inedito di Antonella Leardi, una donna minuta, ma di una forza incredibile, che ha deciso di raccontare attraverso queste pagine, la storia di suo figlio e il drammatico epilogo dei fatti avvenuti a Roma”.

Il libro sarà presentato mercoledì 1 aprile, alle ore 11, nella sala conferenze dello stadio Olimpico, proprio in quello stadio dove Ciro il 3 maggio 2014 non riuscì ad arrivare. Alla presentazione, oltre a mamma Antonella ci saranno Giovanni Malagò, Presidente del CONI, il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini e, fra glia altri, anche Luigi de Magistris, Sindaco di Napoli.

Massimo Avino

Un’altra vittoria per mamma Antonella, madre di Ciro Esposito

Massimo Avino

Massimo Avino

"La prossima volta voglio nascere a Napoli ed essere napoletano a tutti gli effetti" (Lucio Dalla)

View all posts by Massimo Avino →