Verso l’Inter, la filosofia di Inzaghi: 3-5-2, linee strette e calcio offensivo

Inzaghi
   

Nella mente di Simone Inzaghi: come giocano le sue squadre

L’Inter di Inzaghi è forse una delle più ostiche squadre da affrontare nel campionato italiano

Al suo arrivo all’Inter Simone Inzaghi disse “L’obiettivo è difendere lo scudetto”. Beh, si può dire che Napoli e Milan gli hanno messo i bastoni tra le ruote. O meglio, fosse rimasto Conte magari il campionato avrebbe preso una piega diversa. Basti pensare che la squadra di Pioli sta avendo quella costanza che, forse, lo scorso anno è mancata. Tuttavia, di Inzaghi non si può dire che non è mancata la stessa voce calda dell’attuale tecnico del Tottenham. Perché per schemi e modus operandi l’ex Lazio è molto simile al collega che gli ha lasciato la panchina. Certo, l’Inter non è il più banale dei club. Una squadra di campioni, talvolta, richiede tempo per metabolizzare stravolgimenti post calciomercato. Poi, bisogna fare i conti con assenze importanti come quella di Eriksen: il metronomo di centrocampo non è stato mai disponibile nello scacchiere di Inzaghi, cosa che con Conte il danese era diventato un titolare inamovibile e da lui passavano tutti i palloni di centrocampo. Insomma, una cabina di regia da rifondare, partenze (Lukaku su tutti) e nuovi arrivi (Correa) hanno fatto si che qualche difficoltà ci fosse.

Filosofia e metodologia di Simone Inzaghi

Una carriera principalmente nella Lazio, dal settore giovanile fino ad arrivare alla prima squadra. L’ex tecnico degli aquilotti si è contraddistinto principalmente per il suo carattere esplosivo che riesce a trasmettere a tutto lo spogliatoio. E’ proprio questa caratteristica che particolarizza l’Inter: aggressiva in fase d’attacco, altrettanta in fase difensiva. Brava soprattutto in fase di possesso palla: corta e compatta, tanto da facilitare un fraseggio rapido e veloce. Un’altra caratteristica della squadra di Inzaghi è la difesa alta, volta a recuperare quanto prima la palla nella metà campo avversaria e proporsi nuovamente in area d’attacco. Proprio come con Conte, i nerazzurri prediligono una costruzione dal basso. Vogliono imporre il loro gioco, costruirlo e arrivando al gol a piccoli passi senza bruciare le tappe: niente palle lunghe in avanti a trovare la torre, niente falso nueve: si parte dalla difesa fino ad arrivare alla trequarti e provare ad inventare la giocata vincente. Il modulo preferito da Inzaghi è il 3-5-2 che permette, appunto, un fraseggio molto articolato ed una costruzione sia per vie laterali che centrali. Certo è che è uno schieramento che richiede un grandissimo dispendio di energie perché le due ali saranno protagoniste sia in fase offensiva che difensiva.

 

Christian Schipani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *