L’AVVERSARIO: Il calcio champagne del Torino di Ventura.

Adesso, Ventura può godersi una rosa finalmente ricca nelle scelte dopo un mercato che ha visto sì partire Darmian, ma ha confermato Bruno Peres e garantito acquisti di peso per una formazione del calibro del Torino: Avelar e Zappacosta sulle fasce, Acquah, il sorprendente Baselli e Obi in mezzo oltre alla ciliegina di Belotti in attacco. Per molti, il mercato varato da Cairo nell’anno del suo decennale è stato tra i migliori dell’intero campionato. I risultati gli hanno dato ragione, anche dopo il 4-0 in coppa con la Juventus ha attraversato un lungo periodo di crisi. Possesso palla , difesa soluda e grande organizzazione sulle fasce. Dove con il 4-4-2 è il movimento in sovrapposizione dei terzini ad agevolare l’esterno di centrocampo e, con il 3-5-2, diventa fondamentale l’integrazione con la mezz’ala. Il risultato è quel calcio di champagne teorizzato da Ventura. Un gioco tanto semplice quanto bello, che dimostra come Ventura sia, oltre un ottimo allenatore anche un gran maestro di calcio.

Enrico Di Roberti.

Enrico Di Roberti

Giovane avvocato con la passione per il Napoli e la pizza!

View all posts by Enrico Di Roberti →