Mercato e scudetto,Fiorentina e Inter riducono la distanza con Napoli e Juventus

   

 Mercato di gennaio: gran colpi di Inter e Fiorentina per avvicinare Napoli e Juventus

Il mercato invernale non  facile per nessuna squadra che hanno a disposizione pochi soldi e devono adeguarsi un po’ alla situazione
aspettando lunedì, la sessione invernale sembra voler riconsegnare al campionato quell’agguerrita lotta di vertice che gli ultimi risultati sembrerebbero aver ridimensionato, a tutto vantaggio di Juventus e Napoli. Perché le prime inseguitrici, ovvero Fiorentina e Inter, hanno lavorato con concretezza e determinazione per recuperare lo svantaggio.

Eder non è un nome qualsiasi. Il bomber di Conte con le 12 reti segnate in blucerchiato è anche il secondo miglior marcatore del torneo dopo sua maestà Higuain (21) e alla pari con Dybala. Così l’Inter sembra proprio voler rilanciare la sfida alle due rivali incontrate in sequenza in Coppa Italia con risultati contrastanti, prima il polemico successo del San Paolo, quindi la doccia gelata allo Stadium. Con l’italo brasiliano arriva quell’alternativa a Icardi che il campionato ha evidenziato come un’esigenza ineludibile per i nerazzurri. È quasi una questione matematica: se prima con i gol dell’argentino, l’Inter veleggiava al vertice, aggiungendo nel motore la vena realizzativa di Eder, i conti dovrebbero presto tornare in attivo, lasciando alle spalle questa crisi che ha rimesso Mancini là dove si trovava a fine estate… sul banco degli imputati. Anche se, a dire il vero, per completare la ricostruzione mancherebbe anche un centrocampista di regia.

La Fiorentina promette di stupire tutti una seconda volta, dopo averlo già fatto soprattutto nella prima parte della stagione. Quella di Zarate è una bella scommessa, più incerta forse di Tello ma altrettanto intrigante. Paulo Sousa prova a rimettere in gioco le certezze acquisite, puntando comunque su nuovi interpreti di grande qualità. Oltre ai due attaccanti esterni, utili per ricaricare Kalinic, è annunciato anche il giovane difensore Mammana, dal River Plate, mentre Tino Costa era già arrivato. Fantasia in gran quantità.

La Juventus macchina da vittorie di questi tempi ha badato solo a prenotare i giovani italiani più promettenti, non certo un’idea sbagliata. E se anche Mandzukic dovrà stare fuori un mese, potrebbe tornare ora utile la voracità di Zaza oltre al ritrovato feeling di Morata.

Il Napoli, per non toccare gli equilibri di una squadra perfettamente funzionante, si è limitato a inserire due giovani negli ingranaggi: Grassi però si è infortunato, mentre Regini sarà una buona alternativa in difesa. Tifosi tiepidi, ma il primato parla da solo.

Fonte Calciomercato