Antonio Candela – Dalle giovanili dello Spezia all’Under 20, un predestinato

 
 
   

La redazione di ForzAzzurri ha contattato il padre del giovane Antonio Candela, terzino del Genoa e della Nazionale U20, reduce dal Mondiale in Polonia.

ANTONIO CANDELA nasce a La Spezia il 27 aprile del 2000. E’ cresciuto nella scuola calcio del Canaletto fino ad arrivare alle giovanili dello Spezia Calcio. Ce ne parla il padre Vincenzo, Sottufficiale Palombaro della Marina Militare.

A che età ha cominciato a dare calci al pallone?

“Antonio aveva solo 6 anni la prima volta che ha indossato la casacca. E’ cresciuto nei 6 anni successivi nella scuola calcio del Canaletto (La Spezia). Nel corso degli anni ha avuto la possibilità di lavorare con doversi allenatori ma resta umanamente legato a Mr. Alfonso Pistone che purtroppo recentemente ci ha lasciati.”

E’ stato Pistone ad accorgersi delle doti di Antonio?

“Alfonso in primis, ma mi sento di esprimere un forte senso di gratitudine verso tutti i membri dello staff tecnico di allora. I suoi collaboratori hanno da sempre apprezzato il ragazzo e lo hanno saputo ben consigliare. Sotto la sua guida Antonio entra a far parte del settore giovanile dello Spezia Calcio.”

Che posizione occupa in campo?

“Quando arriva al “Ferdeghini” Antonio riesce a trovare la sua dimensione ideale in campo. La sua prestanza atletica e fisica lo portano a giocare come terzino destro.”

Quanto ha contribuito lo Spezia alla crescita di Antonio?

“Gli anni al “Ferdeghini” sono stati fondamentali per lo sviluppo tecnico e fisico di Antonio. Basti pensare che all’età di 15 anni viene aggregato alla Primavera e ben presto conquista anche la maglia da titolare. Partecipa da protagonista al Torneo di Viareggio arrivando alla finale contro la Juventus e viene convocato in tutte le formazioni giovanili della Nazionale Italiana. Raggiunge la finale degli Europei con la Under 19, contro il Portogallo, e centra la convocazione anche con la Under 20 nella recente esperienza dell’Europeo in Polonia. Crescendo dimostra eccellenti doti di duttilità e, all’occorrenza, riesce a disimpegnarsi anche sull’out di sinistra con grande disinvoltura.”

Antonio Candela

 

Quando sono arrivate le prime richieste per il cartellino?

“Nel corso degli anni la dirigenza spezzina si è dimostrata molto attenta alla crescita di Antonio. Diverse squadre hanno mostrato spesso interesse per l’acquisizione del suo cartellino ma Antonio, insieme alla famiglia, ha ritenuto ancora molto valido il percorso formativo e di proiezione proposto dallo Spezia Calcio, nelle figure del Direttore Sportivo Fusco e del Tecnico Vinazzani. Sin dai 17 anni alternava spesso allenamenti con la prima squadra fino a vivere il piacere e la soddisfazione dell’esordio in Coppa Italia. Nel corso del mercato invernale del 2018 si fanno fortemente avanti sia il Sassuolo che il Genoa per l’acquisizione del cartellino. Sono però i grifoni a concludere l’affare con un’offerta di 1 milione di euro ed un contratto di 5 anni per Antonio.”

Cosa dicono di Antonio?

“Pur essendo giovane ha sempre goduto della massima stima degli addetti ai lavori grazie al suo carattere pacato. Ha sempre tenuto un profilo basso mostrando sempre educazione sia in campo che fuori. I suoi successi sportivi sono motivo di forte orgoglio per la famiglia ma ancora di più lo sono la serietà e la dedizione con le quali li ha raggiunti. Ad oggi Antonio Candela è un giovane calciatore di grande potenziale e di grande prospettiva, ritengo abbia ampiamente completato il percorso di formazione giovanile, che deve assolutamente affinarsi e completarsi in realtà di campo come la cadetteria, magari in una buona piazza di B. Sono sicuro che se opportunamente guidato e stimolato potrà diventare un buon giocatore di A.”

Mario Scala

Per segnalare giovani talenti è possibile contattare la redazione di ForzAzzurri alla mail infostaff@forzazzurri.net

Continua a leggere su ForzAzzurri:

[FOTO]Carlo Alvino su Twitter: “Tutto fatto, molti non credevano alle condizioni del Napoli”

Zazzaroni: “James merita la 10, i tifosi devono farsene una ragione”

Italia-Cina, gli highlights del match – VIDEO

 

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Mario Scala

About Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *