Dybala alla Roma – il colpo di grazia ad una piazza ormai rassegnata

Dybala

Il mancato arrivo della “Joya” ha lasciato nello sconforto la tifoseria azzurra

Paulo Dybala è un nuovo giocatore della Roma. L’argentino ex Juventus ha preferito accasarsi alla squadra giallorossa, snobbando l’offerta (a patto che ci sia realmente stata) del Napoli. In una finestra di mercato che ha visto l’addio di Insigne, Koulibaly, Ospina e Mertens (per il quale ci sono ancora minime possibilità di una clamorosa permanenza ma che rimane altamente improbabile) i tifosi devono fare i conti con l’ennesima cocente delusione.

“Dybala? Pensavamo potesse essere un’opportunità. Abbiamo parlato con i suoi agenti e non con lui, ma abbiamo capito che per noi non era un’opportunità e probabilmente l’ha capito anche lui, che noi non lo siamo per lui”. Queste le parole di Cristiano Giuntoli nella conferenza di lunedì, dichiarazioni che non hanno fatto altro che gettare benzina sul fuoco, con molti tifosi che mettono perfino in dubbio veridicità di questi contatti tra l’argentino e il club.

Frattura con la piazza e mancanza di un progetto

I tifosi napoletani sono per loro natura dei sognatori, sempre speranzosi di poter rivedere la loro squadra rivivere i trionfi di un tempo, di quando il miglior giocatore nella storia del calcio un certo Diego Armando Maradona, portava i suoi a trionfare in Italia e in Europa. Ebbene quanto accaduto nell’ultimo mese e mezzo sembra aver finalmente e irrimediabilmente distrutto la loro voglia di sognare. Dopo 18 anni di gestione De Laurentiis si ha come la sensazione che questa volta il giocattolo si sia definitivamente rotto.

I sostenitori azzurri chiamano a gran voce la cessione della società da parte di Aurelio, il quale fa spallucce e diserta anche gli incontri con i tifosi (con Giuntoli costretto a dover giustificare questa sua assenza con un banale “Ha molto da fare”), consapevole forse del fatto che l’accoglienza che gli sarebbe stata riservata non sarebbe stata delle migliori, anzi…

Mai come quest’anno si ha l’impressione che la società non abbia una direzione chiara, una visione, un progetto. Sembra invece che si stia navigando a vista, con un mercato che non ingrana e ancora nessuna data per la presentazione delle nuove maglie o della campagna abbonamenti, con Lombardo che a poco più di 20 giorni dall’inizio del campionato dichiara: “Non ci sono ancora novità. Si sta decidendo quando far partire la campagna abbonamenti e quando presentare le nuove maglie, manca un mese ed è comunque presto”. 

ADL-Napoli, The End?

Forse ora i tempi sono maturi, è giunta l’ora di passare il testimone ad un’altra proprietà con ambizioni e obiettivi diversi, perché per quanto sia vero e palese che il Napoli sotto la gestione ADL sia tornato ad essere una realtà importante nel calcio italiano e non solo, è altrettanto vero che la piazza non avrà mai nelle sue grazie l’attuale presidente, che con le sue scelte ha reso insanabile la frattura con il tifo, per buona pace di quei pochi, pochissimi rimasti dalla sua parte. E chi lo sa, magari ADL potrà coronare il suo sogno liberandosi del Napoli e “Tornando a fare cinema!”

 

Alessandro Santacroce

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

UFFICIALE – Paulo Dybala è un nuovo giocatore della Roma

Petagna-Monza, il giorno decisivo potrebbe essere già domani

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Ruby ter: difesa Barizonte, solo giudizi morali e non penali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.