Raspadori: “Ho sentito Conte.L’obiettivo è più continuità e fare un’annata da protagonista”

Raspadori dal ritiro della Nazionale italiana

Raspadori ha parlato in conferenza stampa per l’Europeo dal ritiro dell’Italia in Germania

Giacomo Raspadori ha parlato in conferenza stampa per l’Europeo dal ritiro dell’Italia in Germania. Queste le sue parole:

“Il 33% di giocare in attacco? Sto giocando al massimo come sempre e come ognuno di noi sta facendo. Vogliamo mettere in difficoltà il mister nelle scelte rendendo ogni giorno in allenamento il più possibile.

Mai titolare? Sono molto ambizioso e voglio ritagliarmi più spazio possibile, ormai ho 24 anni e non mi considero più un giovane. Il mio obiettivo è avere più continuità. Spalletti? Sono molto più maturo rispetto allo scorso Europeo, era una cosa inaspettata. Spalletti è sempre lui, trasmette la carica in ogni istante. Il tempo a disposizione rispetto a un club è meno e noi dobbiamo essere bravi ad assimilare il più possibile per avere un’identità e riportarla in campo.

Kvara? Gli faccio un grande in bocca al lupo per l’esordio con la Georgia, è un ragazzo d’oro oltre che un grande talento. Siamo umani, è normale che ogni cosa che succede ci pensiamo, è normale avere pensieri extra rispetto a quello che si fa ma poter giocare questa competizione ti riporta la concentrazione.

Sottostimato? No, sono all’interno di un gruppo di calciatori fortissimi, sarebbe una mancanza di rispetto. Nell’ultimo anno non ho avuto la continuità che mi avrebbe portato più benefici per fare ancora meglio ma non c’è da mollare. Ogni giorno mi costruisco l’occasione, cercherò di fare sempre così per farmi trovare pronto quando serve. Non pronto perché ho giocato poco a Napoli? Non è colpa di nessuno, per come sono fatto io e per come mi alleno ogni giorno non penso di aver perso qualcosa, anzi, sono al 100%.

Con Kvara non ci siamo sentiti. Sulla Spagna, abbiamo notato l’intensità che hanno messo in tutta la partita, è un aspetto che dobbiamo riuscire a fare allo stesso modo, con e senza palla.  In Italia a 24 anni un calciatore è considerato giovane mentre all’estero ha già 150 partite da titolare. Spero che questa mentalità possa cambiare e che ci sia l’occasione di poter far sbagliare i giovani. De Zerbi a Sassuolo mi ha dato la possibilità di farlo ma so di essere stato fortunato. È un augurio ai giovani. Mi sono sentito con Conte, mi ha chiamato e ci siamo conosciuti ma ora siamo concentrati sull’Europeo che è il sogno di ogni ragazzo. Più spazio con Conte a Napoli? Il mio obiettivo è quello, fare un’annata da protagonista, poi non siamo ancora entrati nel dettaglio e non ci siamo nemmeno conosciuti di persona. È troppo presto per parlarne e non siamo nemmeno nella sede adatta per parlarne.”

Raspadori dal ritiro della Nazionale italiana

 

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI  CLICCA QUI

Amichevoli Napoli a Castel di Sangro: si giocano dal 28 luglio al 3 agosto, definite le avversarie

Di Lorenzo-Napoli, Romano: “A oggi impossibile, ma la situazione potrebbe sbloccarsi dopo l’Europeo”

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB 

Chiara Ferragni, la rivelazione: “Sì, Fedez a Sanremo mi ha ferito”

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *