Il Napoli naufraga a kiev, Dnipro in finale

   

Il naufragio è completo. Sotto la pioggia, il Napoli perde a Kiev 1-0 e nella finale di Europa League ci va il Dnipro. Gli ucraini sono la grande sorpresa della coppa: a Varsavia incontreranno il Siviglia. Decide al 13′ della ripresa il gol di Seleznyon: un Napoli imbarazzante è riuscito a farsi eliminare. prima chance — Il Napoli ha subito l’occasione per ribaltare la situazione di svantaggio determinatasi al San Paolo. E’ Inler, una delle due sorprese di formazione, a costruirla con una verticalizzazione per Higuain, che scattato a tempo giusto, si presenta solo soletto davanti al gigantesco portiere Boyko.

La posizione di sparo è ideale perché l’attaccante argentino a tutto lo specchio di porta a disposizione però la soluzione scelta, botta potente anziché tocco di fino, agevola la reattività di Boyko, già nota ai tifosi napoletani perché fu lui l’eroe dell’andata. spreco — Higuain ha una seconda chance nell’ambito di un primo tempo equilibrato: al 28′ va a deviare di testa, bene, un cross radente di Ghoulam.

Ancora una volta la risposta in tuffo del portiere è eccellente e anche questa seconda palla gol sfuma. Rispetto all’andata c’è da dire che il Dnipro si dispone alla manovra rinunciando al catenaccio che ne aveva contraddistinto il comportamento. Markevich evidentemente non ritene giusto difendere a oltranza l’1-1 in un match che di disputa davanti ai tifosi della capitale accorsi in massa a spingere il Dnipro verso un traguardo storico: la prima finale europea di una squadra della giovane nazione ucraina nata dalla frantumazione dell’Urss.

Questo mutato atteggiamento tattico offre al Napoli maggiori spazi dove sollecitare la vena dei suoi giocolieri d’attacco. ma Gabbiadini, preferito a Hamsik proprio per sfruttarne le qualità realizzative, non riesce a trovare la posizione giusta per incidere. E allora è Andujar a rivelarsi prezioso quando vola a fil di palo per deviare una cannonata di Seleznyov che sfrutta bene un errato disimpegno di David Lopez, in chiara difficoltà sul terreno reso infido dal diluvio abbattutosi su Kiev due ore prima de fischio di avvio. Una situazione meteo che non aiuta di sicuro chi deve attaccare.

Fonte:Gazzetta dello Sport.

Antimo Panfilo

Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore, la vita è come un opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita prima che l’opera finisca senza applausi…

View all posts by Antimo Panfilo →