Io sto con Ultimo: per la pace c’è sempre speranza!

Ultimo Napoli Roma ForzAzzurri.net

La richiesta di Ultimo, un cantante giovanissimo, romano e tifoso della Roma, di tornare al gemellaggio tra Napoli e Roma non può che trovarmi d’accordo. Sono queste le cose che mi lasciano ancora sperare in qualcosa di buono per il futuro, vuol dire che forse non è stato tutto un fallimento. E’ vero, c’è stato il tragico episodio di Ciro Esposito che ha incrinato ulteriormente i rapporti tra le due tifoserie, ma questo non deve fermare il processo di pace.

Siamo uomini o bestie? Siamo portatori di valori veri e sani o sostenitori incalliti dell’odio? Daniele De Santis non rappresenta tutti i tifosi della Roma così come non rappresenta tutti i romani. No, “Gastone” è, e resterà per sempre, un criminale, un omicida che sta scontando la giusta pena per il male che ha fatto.

Vi sembra giusto che pochi elementi come De Santis siano più forti di tantissimi che, invece, non hanno nulla a che fare con questioni di curve e ultras? Vi sembra giusto che tante brave persone che vorrebbero godersi una giornata di calcio allo stadio, magari con moglie i figli piccoli, debbano avere paura di non fare più ritorno a casa per via di guerre che non sono le loro?

Perchè nel giorno di Roma-Napoli dovrei privarmi di portare i figli in una delle città più belle del mondo (insieme a Napoli, ovviamente) per la paura di essere aggrediti o caricati? Il calcio, lo sport in generale, non deve trasmettere questi valori. Il calcio è solo un gioco, non dimentichiamolo mai. Dovrebbe essere un momento in cui si va ad assistere a uno spettacolo che ci fa stare meglio, che ci fa esultare, ridere, incazzare e anche piangere per le forti emozioni (e non per i morti).

Perchè nel 2022 è vietato condividere gli spalti di uno stadio con i tifosi avversari seguendo la partita spalla a spalla? Perchè ai miei figli non riesco a spiegare che tutto ciò è folle e gli unici colpevoli siamo solo noi adulti? La competizione sportiva è giusto che ci sia, come è giusto che ci siano i cori e il sano sfottò tra le curve, ma poi (caxxo!), facciamo che finisca li!

La morte di un ragazzo, Ciro Esposito, doveva servire a far capire che la strada che si sta percorrendo è sbagliata. Scommetto che lo stesso Ciro, dall’alto dei cieli, preghi tutti i giorni che il suo sacrificio non sia stato vano.

Sicuramente in tanti staranno storcendo il naso in questo momento, ma me ne farò una ragione. Nella mia vita sono sempre stato per la non violenza, neanche quella verbale, e ho sempre pensato ingenuamente che a essere gemellate dovrebbero essere tutte le tifoserie e non soltanto due!

Va bene difendere la propria identità di popolo, va bene lottare per la tutela della propria storia e delle proprie radici, ma questo non deve farci isolare dagli altri, anzi, dovrebbe rappresentare la spinta per farci diventare migliori.

Io sto parlando da napoletano, da sportivo, da uomo di pace, da chi condanna le guerre a prescindere fottendosene di chi sia la ragione e di chi il torto, di chi sia l’invasore e chi l’invaso. Farei lo stesso se fossi stato tifoso della Roma, della Juventus, del Verona, dell’Atalanta e di tutti quelli che, storicamente, sono nemici. Ma nemici di chi? Di certo non i miei, dal momento che non ho mai indentificato un popolo intero con pochi frustrati che vanno allo stadio a vomitare il loro odio nei confronti di altri individui.

Io non seguirò mai le tendenze e non sarò mai dalla parte di chi si spaccia per intellettuale e il cui unico intento è quello di fomentare odio. La storia è storia e serve per comprendere meglio il presente, ma il futuro lo scriviamo noi. Abbiamo tutti gli strumenti, a detta anche degli intellettuali di cui sopra, per scrivere un futuro migliore.

Per questo motivo io sto con Ultimo, anche se non so nulla di lui e non conosco nemmeno una canzone, ma a questo posso sempre riparare(!).

Io sto con Ultimo e con tutti quelli che si batteranno tutti i giorni per la pace fra i popoli!

Dario Catapano

 

POTREBBE INTERESSARTI

Lorenzo Insigne non ha tradito, ha solo fatto una scelta!

 

 

 

 

Dario Catapano

Laureato in giurisprudenza e giornalista dal Febbraio 2014. Nelle cose che faccio ci metto il cuore...e la faccia! Facebook: https://www.facebook.com/dario.catapano1 Twitter: @DarioCatapano

View all posts by Dario Catapano →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.