Pubblicato il: 9 Novembre 2020 alle 5:10 pm

Le dinamiche dominanti del campionato di serie A 2020-2021

LEGA SERIE A - Ecco quando i recuperi delle partite.

Il campionato di serie A 2020-2021 si avvia verso il decimo turno e sono molti gli elementi che balzano agli occhi per un’analisi approfondita. Come già avvenuto durante la passata stagione, anche quest’anno stiamo assistendo a un tipo di gioco caratterizzato dall’assenza di pubblico sugli spalti, che non necessariamente significa avere uno spettacolo ridotto in termini di prestazioni. Basta vedere il numero di reti e come si stanno susseguendo per capire che le squadre stanno dando il massimo per rendere il campionato godibile e di interesse.  Come già appurato durante le passate stagioni, il livello medio si è alzato, complice una continuità di risultati e di prestazioni delle squadre più forti.

Serie A: dalle big alle sorprese di un campionato già intenso e agguerrito

Ciò nonostante basti vedere come le neopromosse Benevento e Crotone hanno affrontato alcune gare con avversarie come Napoli e Juventus per capire che sarà una stagione intensa e da seguire partita dopo partita. La Juventus che insegue la sua decima vittoria in campionato dovrà vedersela contro un gruppetto costituito da Inter, Lazio, Atalanta e poi ancora Milan, Napoli e Roma. Stiamo assistendo a un ritorno delle cosiddette sette sorelle del calcio italiano. Il Milan di Pioli ha già mostrato in queste breve scorcio di campionato di avere del potenziale per fare bene e per entrare di diritto nella lotta scudetto. Torna in pista anche il Napoli, per merito di una rosa competitiva e di un tecnico capace come Gennaro Gattuso. La Roma di Fonseca alterna ottime prestazioni a gare meno intense, ma ha comunque del potenziale. Le quattro squadre impegnate in Champions League erano date come favorite ai nastri di partenza, con un vantaggio considerevole in termini di pronostici per i principali bookmaker che si occupano di scommesse calcio per il campionato di serie A 2020-2021.

Largo alle outsider: la Samp di Ranieri e il Sassuolo di De Zerbi

Tuttavia la stagione è caratterizzata anche dalle cosiddette outsider, dove si inseriscono già due squadre come il Sassuolo di De Zerbi e la Sampdoria di Claudio Ranieri. Il Sassuolo dopo aver battuto in casa proprio il Napoli ricorda molto da vicino l’inizio arrembante del Cagliari di Maran, mentre la Samp ha vinto con autorevolezza contro una scialba Atalanta di Gasperini, che tra Champions e campionato ha già incassato 20 gol in nove gare. Una media che nonostante le buone realizzazioni è sintomatica di uno stato di forma altalenante e incerto. Anche Lazio e Inter hanno mostrato alcuni limiti di gioco e di risultati, mentre bisogna aprire una parentesi a parte per capire come giocherà quest’anno la Juventus di Andrea Pirlo. Se in Champions dopo lo stop con il Barcellona di Messi, i bianconeri hanno subito ritrovato gol e vittoria, in campionato non sarà semplice riprendere la leadership che aveva caratterizzato le stagioni precedenti. La Juventus ha pareggiato contro il Crotone, la Roma e il Verona, e viaggia su buoni livelli anche grazie alla gara vinta a tavolino contro il Napoli. Il vero problema è in realtà il centrocampo della squadra che già in diverse occasioni ha mostrato alcuni limiti e perplessità. Le stesse perplessità caratterizzano l’Inter di Conte, che ha incassato una sconfitta in Champions e due pareggi, mentre in campionato ha mostrato i suoi limiti nelle gare contro Milan e Parma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *