Napoli-Cagliari, previsione tattica e probabili formazioni

tattica roma napoli

Gli azzurri per la Champions, i sardi per la salvezza. La tattica di Napoli-Cagliari

Napoli-Cagliari in programma domenica alle ore 15:00 allo Stadio Maradona, per motivi e obiettivi diversi potrebbe essere una partita fondamentale per questo finale di stagione per entrambe le squadre. Gli azzurri sono lanciatissimi nella corsa ad un posto nella prossima Champions League, mentre i sardi a suon di punti inseguono la salvezza.  In “Questione di moduli” proviamo ad analizzare la parte tattica del match.

Il Cagliari di Semplici

Con l’arrivo dell’ex allenatore della Spal in panchina, il Cagliari ha cambiato decisamente il passo in questa stagione. Semplici, con il nuovo assetto tattico,  ha dato una marcia in più ai sardi, che sono riusciti a risalire una classifica che fine a qualche mese era deficitaria. Mossa fondamentale è stato il cambio di modulo, passando dalla difesa a quattro a quella a tre dando più compattezza e densità alla retroguardia rossoblù. Anche l’avanzamento di Nainggolan sulla linea della trequarti ha alzato la qualità della manovra offensiva, che in questo finale di stagione sta aiutando i sardi nella corsa salvezza.

Probabile formazione (3-4-1-2): Cragno; Ceppitelli, Godin, Carboni; Nandez, Duncan, Deiola, Lykogiannis; Nainggolan; Joao Pedro, Pavoletti.

Il Napoli di Gattuso

Il Napoli nel girone di ritorno ha una media da Scudetto, nelle ultime giornate Gattuso ha ritrovato risultati e gioco entrando di prepotenza nella lotta ad un posto Champions. Nelle ultime uscite gli azzurri si sono fatti apprezzare anche sul piano del gioco, dimostrando una certa sicurezza in fraseggio che passa anche da un possesso palla finalizzato alla ricerca degli spazi che finalmente funziona. Il recupero del potenziale offensivo è stato fondamentale per le sorti del Napoli, che grazie a Mertens e Osimhen ha limitato gli sprechi in zona goal. La posizione di Zielinski è quella che mette più in difficoltà gli avversari, la bravura del polacco nel galleggiare tra le linee con i suoi strappi in velocità risultata essere decisiva in più di un’occasione.

Probabile formazione (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Demme, Fabian Ruiz; Politano, Zielinski, Insigne; Osimhen.

Tattica di Napoli-Cagliari

Napoli-Cagliari sarà una partita che dirà molto sulle sorti delle due squadre in questo finale di stagione, sul piano tattico i sardi ripeteranno il copione visto nelle ultime giornate. Tanta densità a centrocampo e in difesa, cercando le ripartenze con gli uomini di qualità del reparto offensivo. Il Napoli dovrà prestare molta attenzione alla posizione di Nainggolan, che farà da collante tra centrocampo e attacco. Per gli azzurri la chiave tattica del match potrebbe essere l’apporto degli esterni e la posizione di Zielinski, visto che i sardi si schiereranno con la difesa a tre, le soluzioni offensive potrebbero essere almeno due. La prima, è quella di stringere gli esterni e andare a giocare tre contro tre sulla difesa dei sardi. In questo modo si potrebbero sfruttare gli inserimenti di Zielinski e Fabian Ruiz. Oppure affiancare il polacco alla punta di riferimento, costringendo la difesa a restare bloccata in marcatura. Con questa soluzione, Insigne e Politano avrebbero più spazio per inserimenti e creare la superiorità numerica. Il Napoli dovrà spingere forte fin dal primo minuto, costringendo il Cagliari a ripiegare e impedendo le ripartenze in zona offensiva. Sbloccare la gara subito come già fatto con Lazio e Torino potrebbe essere un altro aspetto fondamentale, costringendo così gli avversari a scoprirsi e colpire in ripartenza.

Elio Di Napoli

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Napoli-Cagliari, Gattuso pronto a confermare gli stessi 11 di Torino

Sarri ha detto si alla Roma, firmerà un contratto biennale

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Afghanistan: Di Maio, l’impegno italiano non si esaurirà

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *