Napoli e Sarri, le alternative sono varie ma una clamorosa fiammata d’orgoglio potrebbe dare continuità!

   

Continua il tormentone sul rinnovo di Sarri, nulla è stato ancora deciso, cosa certa è che se nessun club dovesse farsi avanti pagando la clausola, lui resta vincolato col Napoli fino al 2020 e a quel punto se volesse andare via dovrebbe solo dimettersi trovando un accordo con ADL e lasciare. Ma il tecnico di fronte ad un progetto ritenuto convincente e stimolato al massimo dal presidente, partirebbe per una nuova sfida sia in campionato, che in Champions League e proseguire sulla panchina napoletana con una carica ancora più forte. Una pista più praticabile è quella di Emery che si è dato l’addio con Parigi ed il PSG, tecnico già tentato da De Laurentiis dopo Benitez e prima di lanciarsi su Sarri, altro profilo è quello di Benitez, pronto a dare l’addio al Newcastle, ma si tratterebbe di un clamoroso ed improbabile ritorno dopo i due anni già vissuti sulla panchina del Napoli con le vittorie della coppa Italia e della Supercoppa Italiana. Un sondaggio sembra sia già stata fatto, ma resta una delle tante idee per l’eventuale sostituzione di Sarri. Le altre scelte sono tra i tecnici che allenano in serie A, principalmente con Giampaolo, che ha mentalità e schemi similari a Sarri e potrebbe essere per dare una continuità al progetto tecnico: l’allenatore della Sampdoria già successore ad Empoli del tecnico toscano. Però l’uomo del momento è Simone Inzaghi, adesso alla guida e in lotta con la Lazio per la qualificazione in Champions League, ma difficilmente Lotito lo mollerà. Altro nome è Gasperini, già in passato vicinissimo al Napoli, poi Mazzarri prolungò per altri due anni l’intesa con il club partenopeo e non se ne fece nulla, suo il lavoro eccezionale con l’Atalanta giovane, un cammino invidiabile in Europa League però anche in questo caso parliamo di un allenatore sotto contratto.

 

 

 

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×