NAPOLI – Quando inizi a credere alle favole la Juventus ti riporta subito alla realtà

 
 
juve napoli partita
   

Juventus-Napoli 4-3 – E quando inizi a credere che le favole esistono la Juventus ti riporta subito alla realtà.

Brutto Napoli quello visto nel primo tempo che si lascia letteralmente strapazzare dai bianconeri. Il gioco degli avversari non è ancora quello tipico sarriano, ma la mano di don Maurizio a sprazzi inizia a vedersi. La Juventus arriva in porta con troppa facilità e al 45′ si va al riposo sul 2-0 per i padroni di casa. Risultato giusto che poteva essere anche più largo viste le tante occasioni create (una traversa e un miracolo da parte di Meret su Khedira).

Manolas e Koulibaly ancora non trovano l’intesa, il centrocampo azzurro non riesce a garantire il giusto equilibrio tra forza e qualità e l’attacco appare leggero e smarrito. Il 4-2-3-1 non funziona, un po’ per la forma atletica non ancora al top di alcuni protagonisti e un po’ per la scarsa propensione a ricoprire certi ruoli da parte di altri. Ancelotti capisce che occorre cambiare modulo, ed effettivamente, passando al collaudato 4-4-2 il Napoli nel secondo tempo inizia a giocare meglio.

Nei primi minuti della ripresa le cose sembrano migliorare per gli azzurri, fino a quando, implacabile come una sentenza, arriva il terzo gol firmato da Cristiano Ronaldo.

Lo sconforto è totale e nessuno, a questo punto, rischierebbe nemmeno un centesimo su un esito diverso della gara. Anzi, la speranza è quella di evitare l’imbarcata cercando di non aumentare il passivo.

Ma, come per incanto, qualcosa succede. Nel giro di due minuti (66′ e 68′) il Napoli accorcia le distanze con un colpo di testa di Manolas prima e, dopo poco, addirittura si porta sul 3-2 con la rete del debuttante Lozano.

I ragazzi di Ancelotti iniziano a crederci e la Juve barcolla. Il Napoli prende campo, fa girare palla come sa intimorendo non poco gli avversari.

All’82’ succede l’impensabile: Di Lorenzo (il giovanissimo Di Lorenzo) con un colpo di coscia riesce a spingere la palla alle spalle di Szczesny portando il risultato in parità.

Il silenzio scende sull’Allianz Stadium. Fino a pochi minuti prima i tifosi avversari intonavano, a mo’ di sfottò, “O surdato nnammurato”, ma sul 3-3 un assordante silenzio ha iniziato a rimbombare forte nell’impianto torinese. Panico e paura di non farcela!

È in momenti come quelli che si inizia a credere che forse le favole esistono e che non è sempre il più forte quello che alla fine vince: ogni tanto vincono anche i giusti e i simpatici.

Uno ci crede, inizia a fare i dovuti scongiuri, e pensa che le emozioni che riesce a regalare il calcio nessuno sport potrà mai farle provare. Dopo la prima ora da incubo gli eroi in azzurro riescono a riagguantare un risultato insperato, grazie a tanta grinta e forza di volontà. È la favola!

Mancano 30 secondi alla fine della partita, ormai è fatta! Il pareggio, per come è arrivato, può rappresentare una grande iniezione di fiducia per il prosieguo del  campionato del Napoli.

Ma appena inizi a credere nella favola, nell’aspetto romantico del calcio, ecco che arriva la triste realtà: la storia di sempre si ripete!

Koulibaly, il calciatore più rappresentativo del Napoli, il guerriero che qualche anno fa aveva espugnato il fortino torinese riaccendendo le speranze-scudetto, commette un errore fatale. Al 92′, nel tentativo di rinviare una palla lontano dalla sua area, fa l’opposto. Il colosso senegalese prende male la sfera che, per chissà quali congiunzioni astrali, prende una direzione beffarda che va a insaccarsi proprio all’incrocio dei pali della sua porta. Imparabile per Meret! Autogol clamoroso!

La storia si ripete: la Juventus vince ancora.

Stavolta, però, l’amarezza è tanta perchè non ci sono state code polemiche o sviste arbitrali a fare da cornice alla partita. No, stavolta loro, i bianconeri, ci stavano massacrando e inaspettatamente avevamo ripreso in mano il risultato. Il pareggio sarebbe stato gustosissimo.

Ma c’è poco da fare: quando inizi a credere alle favole la Juventus, in un modo o nell’altro, ti riporta sempre all’amara realtà!

Dario Catapano

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Corbo: “Koulibaly disastroso, fa felice Sarri a Torino, ancora una volta”

Mario Sconcerti: “Netta differenza di qualità tra Juventus e Napoli”

Incredibile Lozano – La lista dei debutti è lunghissima, tutti con gol

FOTO – Autogol Koulibaly, il senegalese bersagliato sui social. In maglia bianconera col numero 92

Ancelotti a Sky: “Per 60 minuti non abbiamo fatto bene, alla fine siamo stati sfortunati”

Martusciello a Sky: “Grandissima prima ora, il gruppo non molla mai”

Higuain a Sky: “Da quando arrivato ho la fissa di rimanere”

Juventus-Napoli 4-3, le pagelle: azzurri col cuore ma è disastro Koulibaly. Bene Lozano

Extra

L’oroscopo di oggi 1 settembre

Talebani attaccano città afgana: 16 morti e oltre 100 feriti     

 

 

 

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Dario Catapano

About Dario Catapano

Laureato in giurisprudenza e giornalista dal Febbraio 2014. Nelle cose che faccio ci metto il cuore...e la faccia! Facebook: https://www.facebook.com/dario.catapano1 Twitter: @DarioCatapano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *