Pubblicato il: 5 Luglio 2015 alle 3:04 pm

Napoli, uno dei due era di troppo

Ogni anno una rivoluzione e s’inizia sempre lì, dalla maledetta categoria di mezzo, dagli Allievi Nazionali. Il settore giovanile del Napoli fa fatica proprio nel salto di categoria dopo i Giovanissimi, gli azzurrini non hanno mai raggiunto i play-off e soprattutto non hanno avuto la stessa guida tecnica per due stagioni consecutive dal 2009. L’ultimo a durare per un biennio fu Ivan Faustino Canè nelle stagioni 2007-08 e 2008-09. Dopo dieci anni di lavoro lascia Nicola Liguori, figura storica del vivaio azzurro che ha accompagnato tanti ragazzi nel percorso di crescita, in primis le leve ’94 e ’96 che costituiscono oggi le risorse più importanti del settore giovanile. Come si legge su iamnaples.it, sono state alcune divergenze programmatiche con il responsabile del settore giovanile Gianluca Grava a determinare l’addio di Liguori: Grava ha pensato ad un cambiamento dell’organigramma degli allenatori ed ha proposto a Liguori di guidare proprio gli Allievi Lega Pro o i Giovanissimi Nazionali revisionando così il progetto biennale che ha ispirato il lavoro della categoria Allievi in questa stagione. Liguori ha declinato la proposta e ha preferito lasciare il Napoli, è in corso un’altra rivoluzione nel vivaio azzurro. Liguori ha ottenuto grandissimi risultati negli anni forgiando tantissimi talenti.

Fonte: calcionapoli24.it

Napoli, uno dei due era di troppo

Marco Lepore

Marco Lepore

Laureato in Economia Aziendale presso l'Università Federico II dal 2005, ho intrapreso questo percorso da 06/2015. Il principio a cui mi ispiro è: "stay hungry, stay foolish".

View all posts by Marco Lepore →