Pres AIA: “Se non si crede alla buonafede degli arbitri si torna al medioevo”

aia

Errori arbitrali, parla il Presidente dell’AIA

Il Presidente dell’AIA, Alfredo Trentalange ha parlato ai microfoni del Corriere della Sera. Ecco le sue parole:

“Bisogna stilare una sorta di ranking, poi se non si crede alla buonafede si torna al Medioevo. Se un tecnico è nervoso lo trasmette alla squadra e di conseguenza la tensione si riversa sull’arbitro. Certi comportamenti in panchina li vediamo solo in Italia, da questo punto di vista è stato un anno turbolento.Ogni settimana ricevo almeno tre telefonate di ragazzi costretti a rivolgersi al pronto soccorso. Un bollettino di guerra davanti al quale non possiamo mostrarci indifferenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.