Quando lasciare la Serie A non sempre si rivela una buona scelta

lukaku
   

Tantissimi giocatori militanti nel campionato calcistico più importante in Italia, dopo qualche anno di esperienza, decidono di cambiare completamente aria, accettando trasferimenti o prestiti a squadre di altri campionati.
Non sempre però questa idea si rivela essere quella giusta: un chiaro esempio è rappresentato da Paul Pogba e Romelu Lukaku.

Italia, mi manchi! L’incredibile storia di Pogba

La Serie A li ha accolti a braccia aperte, e ne ha sentito la mancanza alla loro dipartita; ma, forse, Pogba e Lukaku sentono ancora di più la mancanza dell’Italia. Il francese è prossimo al ritorno alla Juventus e questa settimana potrebbe essere quella decisiva per la Vecchia Signora per raggiungere un accordo con l’entourage del centrocampista in occasione del suo secondo periodo a Torino.

Pogba ha lasciato l’Allianz Stadium nel 2016, tornando al Manchester United per 100 milioni di euro. La sua seconda esperienza all’Old Trafford non è stata così buono come aveva pianificato poiché il francese si è rivelato essere spesso incoerente, segnando “solamente” 39 gol in 229 partite, solo cinque in più di quelli che aveva segnato nei suoi precedenti quattro anni alla Juventus (34 su 178 incontri disputati).

Questo dato, preso da solo, spiega perché Pogba sta sentendo la mancanza della Juventus e di Torino, ma c’è ancora di più dietro. Pogba non ha mai sentito l’amore dei tifosi del Manchester United, o almeno non si sentiva come a Torino. È sempre rimasto in contatto con molti dei suoi ex compagni di squadra della Juventus, la maggior parte dei quali, comunque, non gioca più per la squadra bianconera. Come se non bastasse, Paul possiede un forte legame con Max Allegri, tornato anche lui ad allenare, per la seconda volta, la Vecchia Signora un anno fa.

Pogba ha guadagnato più soldi al Manchester United che alla Juventus, ma i soldi non sono sempre l’unica cosa che conta. Gli sono mancate la Juve Torino, e anche se i colossi della Serie A non hanno le stesse risorse finanziarie di altri top club europei come PSG o Real Madrid, l’attuale Numero 6 è determinato a tornare nel luogo dove ha trascorso i migliori anni della sua carriera da professionista fino a questo momento.

Ad ogni modo, indipendentemente da dove andrà Pogba, sarete comunque in grado di scommettere su di lui e sui suoi eventuali goal, sfruttando i migliori bookmakers italiani e le loro incredibili opzioni di scommessa.

Anche Lukaku sembra essere destinato a tornare nel Bel Paese

Stesso discorso per Lukaku, che ha avuto due stagioni importanti all’Inter, dove ha segnato 64 gol in 95 presenze con i nerazzurri, diventando campione di Serie A nel 2020-21. Ancora una volta, il suo ritorno al Chelsea (terzo periodo) è stato molto deludente.

Il nazionale belga non è riuscito a giustificare il suo prezzo di 113 milioni di euro segnando solo 15 gol in 44 presenze nel 2021-22. È diventato una semplice riserva dalla seconda parte della campagna e il suo rapporto con Thomas Tuchel è crollato.

Lukaku ha impiegato meno di Pogba per rendersi conto che il Chelsea non era l’ambiente adatto per lui e che, forse, non avrebbe dovuto lasciare la Serie A. A dicembre aveva rilasciato un’intervista a Sky Sport Italia, scusandosi con i tifosi dell’Inter per il com’era andato durante l’estate, aggiungendo che prima o poi voleva tornare.

È stato l’inizio della fine per lui allo Stamford Bridge, dove la maggior parte dei tifosi del Chelsea non lo ha mai perdonato, nonostante le sue scuse. Secondo diversi rapporti in Italia, “Big Rom” ora sta spingendo per un ritorno allo Stadio Meazza ed è pronto a prendere una riduzione dello stipendio del 50% per soddisfare il suo desiderio.

I nerazzurri possono però permettersi la reunion in prestito solo fino a giugno 2023, quindi la trattativa con i Blues sarà probabilmente piuttosto lunga. L’Inter preferirebbe chiudere l’affare entro fine mese, per poter utilizzare il decreto crescita e ottenere una riduzione del 50% dello stipendio lordo del giocatore, ma probabilmente ci vorrà più tempo.

Conclusioni

Sicuramente sia Pogba che Lukaku hanno imparato che lasciare la Serie A non è sempre una buona idea nonostante non sia più il campionato più ricco d’Europa. Hanno trascorso i migliori anni della loro carriera in Italia e ora non vedono l’ora di tornare. Possono essere più ricchi nel Belpaese, anche se in modo diverso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×