QUESTIONE DI MODULI – La chiave tattica di Napoli-Frosinone

 
 
QUESTIONE DI MODULI
   

Napoli-Frosinone, la chiave tattica del match

Riflettori accesi su Napoli-Frosinone, l’anticipo della 38esima ed ultima giornata di Serie A. Al San Paolo arriva la compagine dell’ex Roberto Stellone, oramai aritmeticamente retrocesso in serie B, ma con la voglia di provare ad onorare l’ultima gara. Ad attendere i ciociari, oltre ai circa 60mila tifosi partenopei, la troupe di Maurizio Sarri, con in testa un solo obiettivo: la vittoria che regalerebbe l’accesso diretto alla prossima Champions League. Questi i temi tattici della gara:

FROSINONE – Reduce dalla doppia promozione che ha portato i ciociari dalla Lega Pro alla Serie A, Stellone ha vissuto un campionato di difficoltà, come è logico che sia, ma il Frosinone, alla prima esperienza nella massima serie della sua storia, è stata in corsa per la salvezza fino a 5′ dal termine della penultima giornata, quando la rete di Politano ha cancellato ogni speranza della squadra laziale. Stellone ha giocato questo campionato alternando due moduli: il 4-4-2 ed 4-3-3. Il modulo con la doppia punta è quello più offensivo e propositivo, mentre la scelta di un centrocampo a tre uomini speculare a quello del Napoli rappresenterebbe la via più prudente, poichè è pronto a trasformarsi in un 4-5-1 in fase di non possesso. In ogni caso, il Frosinone cercherà di contenere gli azzurri e ripartire in velocità, sfruttando le corsie laterali, dove potrebbe avere la superiorità numerica. Attesa e contropiede quindi, sfruttando gli esterni veloci e Ciofani come centravanti boa e riferimento centrale per imbeccate e sponde: i ciociari proveranno a mettere in difficoltà la retroguardia del Napoli in questo modo.

NAPOLI – L’ultimo ostacolo separa il Napoli dalla partecipazione diretta alla prossima Champions League. Dopo l’importantissima vittoria di Torino contro la squadra di Ventura, il tecnico azzurro ha subito richiamato tutti alla concentrtazione. Sarri non vuole scherzi negli ultimi novanta minuti ed è per questo che, Albiol parte che è squalificato, non sono previsti esperimenti ne ballottaggi: in campo scenderanno i titolarissimi. L’obiettivo è ripartire dal primo tempo con il Torino, dove si è rivisto un Napoli pimpante fin dalle prime battute, capace di rendere inefficace con un ottimo fraseggio la gabbia che Ventura aveva costruito intorno a Jorginho, con l’obiettivo di chiudere alla fonte la manovra azzurra costringendo il Napoli a partire dalla difesa per impostare l’azione. La chiave tattica più importante potrebbe essere Marek Hamsik, il capitano azzurro azzurro coi suoi movimenti sempre giusti ha dato la possibilità alla sua squadra di andare in porta in diverse occasioni. Suoi, infatti, i due assist che hanno consentito ad Higuain e Callejon di realizzare le reti che hanno portato forse i tre punti più importanti della stagione.

Il campionato volge al termine e con esso anche questione di moduli. Abbiamo vissuto e raccontato una stagione ricca di emozioni grazie al Napoli di Maurizio Sarri che ci ha regalato tante gioie. Voglio congedarmi dai lettori di ForzAzzurri.Net con l’augurio di rivederci ancora la prossima stagione dove tutti ci auguriamo: in Champions League!

Carmine Gallucci

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 
Carmine Gallucci

About Carmine Gallucci

360 gradi è l'angolazione minima con cui osservo il mondo. Twitter: @CarmineGallucci