Salernitana – Missione compiuta, il miracolo è stato completato

salernitana
   

La Salernitana si salva grazie al pareggio del Cagliari a Venezia e rimane in Serie A. Una salvezza che ha una sola firma, quella dell’allenatore Nicola

Missione compiuta. L’ultima giornata di Serie A ha decretato, in modo definitivo, i vinti e vincitori di questo entusiasmate campionato. L’incoronamento dei Campioni d’Italia del Milan non è stato l’unico esito della 38esima giornata. A tenere ancora alta l’attenzione sulla massima serie del campionato di calcio italiano era stata la sfida per non retrocedere in Serie B tra Salernitana e Cagliari. Una sfida a distanza che ha visto un solo vincitore.

L’impresa Salernitana

Da tempo si è sottolineato che la Salernitana stava creando un vero proprio miracolo e l’artefice di questo piccolo capolavoro è stato il suo “comandante”, l’allenatore Davide Nicola. La sconfitta contro l’Udinese di domenica è stata solo un piccolo intoppo, che poteva costargli caro, di uno straordinario percorso che il mister piemontese ha costruito con i suoi ragazzi. Un gruppo di giocatori che, prima dell’arrivo di Nicola, era sopraffatto dalla delusione e dall’incapacità di poter giocare bene. Il lavoro di Nicola è stato soprattutto rivolto alla testa dei suoi calciatori e, che attraverso un modo di condurre e di improntare un atteggiamento di forza, gli ha permesso di creare un ambiente in cui squadra, staff e tifosi hanno ritrovato il coraggio di riprovarci e di riportare la Salernitana fuori dalla zona di retrocessione. L’animo della squadra granata è stato come quello del suo coach, non aver timore di nulla e non perdersi nelle difficoltà. L’elemento di forza dell’allenatore della Salernitana è stato quello di creare attraverso un linguaggio forte e deciso, nelle interviste o dichiarazione pre e post-partita, un ambiente che lo seguisse, aiutandosi anche da elementi di fuori campo come la scommessa. Infatti, come già aveva fatto con l’esperienza di Crotone, anche a Salerno ha voluto mettere in gioco un pegno da pagare qualora fosse riuscito a salvare la Salernitana, ma questa volta senza bicicletta: “Vado a piedi dal Papa se la Salernitana si salva!”.

Una festa per Salerno

L’esito della partita del pareggio del Cagliari contro il Venezia ha permesso alla città di festeggiare, per tutta la notte di domenica e la giornata di lunedì, la sua permanenza in Serie A. infatti, per la prima volta nella sua storia la Salernitana parteciperà per due anni consecutivi al massimo campionato italiano. La prossima stagione è ancora lontana, ma i presupposti dovrebbero essere buoni. L’inizio del prossimo campionato con una presidenza solida e pronta ad investire su una squadra di giovani talenti può creare tutti i presupposti per poter conquistare la salvezza con qualche giornata in anticipo. Il progetto Salernitana parte dalla salvezza conquistata con un miracolo e che deve essere improntata per un progetto più solido.

Chiuso il sipario sulla Serie A è tempo di pagare le promesse fatte. Nicola buon cammino verso Roma.

Francesco Abate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Installa la Web App di ForzAzzurri

Installa
×