TOP & Flop – Napoli-Cagliari, il migliore ed il peggiore azzurro in campo

   
Napoli
   

Il Napoli soffre, va sotto con il gol dell’ex Pavoletti, ma poi la ribalta con un colpo di testa di Mertens e un rigore di Lorenzo Insigne nel recupero. Nervi tesi per l’assegnazione del penalty, con Ionita e Maran espulsi.

 

PRIMO TEMPO

L’inizio del Napoli non è dei migliori ,  partita poco divertente, con poche occasioni da una parte e dall’altra. Insigne a metá tempo dribbla qualche avversario ed entra in area di rigore calcia ma la conclusione viene bloccata  da Ceppitelli, e la successiva incursione di Younes che porta a un tiro diagonale fuori davvero di poco. Manca un possibile rigore al Napoli al 25′ quando Cigarini allarga in maniera apparentemente intenzionale il gomito sul volto di Mertens, ma Chiffi non viene nemmeno richiamato dal VAR. L’episodio carica il belga che rifinisce perfettamente un paio di palloni per Insigne, che però non sfrutta le occasioni.

I due piccoletti lì davanti cercano il dialogo, ma senza frutti, con il primo tempo del Napoli che si chiude sullo 0-0 e con l’insolito dato di zero tiri nello specchio della porta avversaria.

 

SECONDO TEMPO

Il Napoli non cambia nell’intervallo e il Cagliari continua a tenere imbrigliata la formazione di Ancelotti, che riesce a liberare un paio di volte al tiro Dries Mertens, che però non trova fortuna. Il belga è ispirato, trova il primo vero tiro in porta con un destro secco, che Cragno è bravo a respingere in calcio d’angolo. Ancelotti prova a cambiare le cose inserendo Ruiz e Callejon per Allan e Verdi, ma è il Cagliari a passare: Deiola approfitta di un’incomprensione tra Zielinski e Ghoulam, lancia nello spazio Barella che con un tacco fantastico arma il destro di Pavoletti, che butta alle spalle di Meret il più classico dei gol dell’ex. Arriva anche l’ora di Milik (al posto di Younes) per l’assalto del Napoli, che trova il gol con Mertens, ma giustamente annullato. Ci prova lo stesso polacco appena entrato,  fuori di poco con Cragno che poco dopo respinge  in corner un insidioso tiro-cross di Zielinski. Mertens e Milik continuano a duettare, ma senza trovare il fondo della rete; non ci riesce nemmeno Mertens di testa, perché sulla sua strada si trova un Cragno attento  che devia il pallone sulla traversa. Il 14 azzurro è però una furia e alla fine abbatte il muro sardo, con un colpo di testa preciso, su cross di Ghoulam, a punire la tardiva diagonale difensiva di Lykogiannis. Il Cagliari si intimorisce e Maran piazza la difesa a 5 con Pisacane al posto di Pavoletti per difendere il fortino, ma non ci riesce perché un mani di Cacciatore in area fa scattare la VAR review. Dal dischetto si presenta Lorenzo Insigne, che tira con freddezza centrale e riscatta una partita sufficiente , regalando la vittoria che per il Napoli vale il secondo posto aritmetico. Per il Cagliari una buona partita, ma tanta rabbia.

 

TOP

È ancora Dries Mertens il top di questa settimana per il Napoli, calciatore imprescindibile per Ancelotti, in grado di far salire la squadra, innescare i compagni e segnare anche di testa nonostante non sia un gigante. Con la rete al Cagliari stacca Maradona e festeggia il gol numero 82 in Serie A.

 

FLOP

Simone Verdi, tanta voglia di fare ma non riesce ancora a trovare una vera collocazione nello scacchiere di Carlo Ancelotti, il calciatore è alla ricerca di una continuità fisica che fino a questo momento è mancata a causa dei tanti infortuni in stagione.

Gianni Carrella

Leggi anche :

Play off Primavera – Il risultato e la cronaca di SPAL-Benevento

LEGGI ANCHE :

Calciomercato – Liverpool, Klopp: il suo annuncio su Lorenzo Insigne

LEGGI ANCHE :

FOTO – Younes posta una foto con Mertens per augurargli buon compleanno!

LEGGI ANCHE :

Pres. Spal: “Lazzari interessa al Napoli, se ne parlerà a giugno. Abbiamo fissato il prezzo”

Iscriviti al canale Telegram di ForzAzzurri

   
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *