UNDER 16 SALERNITANA- Contro il Bari finisce male

Under 16
   

Under 16 Salernitana: mister Emanuele Ferraro è intervenuto sulla pesante sconfitta dei suoi ragazzi al “Capocasale” di Bari.

UNDER 16 BARI-SALERNITANA 6-1

BARI: Sciacovelli, Neviera (25’ st Raia), Gagliardi (25’ st Greco), Zinfollino, Monterisi, Zonno (25’ st Laraspata), Pierno, Alba (36’ st Caruso), Ferrante (10’ st Caruso), Nannola (10’ st Angelini), Pinto (10’ st Paparella). A disp Pellegrini, Lucarelli, Paganelli. All. Giuseppe Giusto

SALERNITANA: Prudente, Galiano (38’ st Guarracino), Gambardella (1’ st Pinto), De Rogatis, Barretta (38’ st Cesarano), Fucci (34’ st Migliarotti), Inghilterra, Volpe (31’ st Perrino), Ferrara (12’ st Del Regno), Novella, Iannone (12’ st Sorbo). All. Emanuele Ferraro

Arbitro: Giorgio Piacenza di Bari (Alessandrino/Magnifico)

NOTE. Marcatori: 11’ pt Pinto (B), 18’ e 26’ pt Alba (B), 8’ st Ferrante (B), 23’ st De Rogatis (S), 38’ st Caruso (B), 40’ st Pierno (B). Ammoniti: Galiano, Barretta, Ferrara, Novella (S).

Brutto ko dell’Under 16 della Salernitana che al Capocasale di Bari viene battuta 6-1 dai galletti. I granatini di Emanuele Ferraro non entrano mai in partita e alla mezz’ora sono già sotto 3-0. Apre le danze Pinto, poi una doppietta di Alba manda giusto a riposto sul triplo vantaggio. Nel secondo tempo è sempre il Bari a fare la partita, con i granatini anche sconfortati dal parziale del primo tempo. Ferrante fa 4-0, De Rogatis segna il gol della bandiera prima delle reti finali di Caruso e Pierno. Dopo tre vittorie consecutive che avevano portato la Salernitana al terzo posto, arriva la sconfitta : amara per le dimensioni del risultato, ma che nell’economia di un campionato di livello come quello condotto fino a qui dalla squadra di Ferraro può anche capitare.

E’ stata una partita strana, a partire dall’approccio che non c’è stato – ha detto il tecnico Ferraro al termine del match – Non siamo scesi in campo, giornata proprio no sotto tutti i punti di vista. Non è stato un problema di un singolo, ma di tutta la squadra. Non so a cosa è dovuto, dopo le belle prestazioni delle ultime settimane, oggi un blackout. Avevamo poca cattiveria, arrivavamo sempre dopo sul pallone. Giornata d’arresto, dispiace anche che loro abbiano fatto sei tiri e sei gol. Questo è tutto dire, al Bari riusciva tutto a noi meno. Il risultato è molto pesante, è una figuraccia, però anche nella fase di possesso abbiamo creato ma ci è mancata la cattiveria. A prescindere dai ragazzi, le responsabilità anche mia, perché comunque il primo a essere colpevole è l’allenatore”. Importante, adesso, cancellare tutto e ripartire: “Dopo un 6-1 sicuramente non buttiamo tutto alle ortiche, il lavoro fatto fino ad adesso si è visto. È una sconfitta, un campanello d’allarme, il campionato è duro e se non si ha il giusto approccio alla partita capita al figuraccia. Ai miei farò una bella strigliata, ma si riparte più agguerriti”. Il bilancio di queste prime sei partite, però, è “positivo“. “Ho trovato un gruppo di ragazzi non nelle condizioni che mi aspettavo. Pensavo fossero più avanti tecnicamente e tatticamente. È un gruppo che ha fatto grossi passi in avanti, la concentrazione e la determinazione deve sempre fare da padrone. Lì pecchiamo di più, quando dobbiamo ragionare da squadra facciamo più fatica. La colpa non è dei ragazzi, ma non hanno mai lavorato come gruppo. Sto cercando di imprimere questa mentalità, lo abbiamo fatto benissimo fino a domenica e oggi c’è stato un fermo. La prendiamo come una battuta d’arresto e domani ripartiamo più agguerriti di prima”.

Fonte: solosalerno.it

Giovanni Zangaro

Scouting presso Intermediario Fifa

View all posts by Giovanni Zangaro →