Ziliani attacca:”Perché un Procuratore non denuncia l’AIA per ostruzionismo alle indagini?”

Paolo Ziliani lancia un duro attacco al calcio Italiano

In merito alle polemiche sullo scandalo delle conversazioni degli arbitri in Inter-Juventus, Paolo Zialiano attraverso il suo profilo Twitter ha lanciato un duro attacco a tutto il calcio Italiano. Ecco quanto dichiarato: “Ai tempi dell’Ufficio Inchieste, quello serio, questa cosa sarebbe bastata per: 1) invalidare il campionato; 2) fare piazza pulita di presidente AIA e designatore; 3) evitare che Orsato sparisse nottetempo; 4) risparmiarci la sua nomina a rappresentante degli arbitri. Amen. Per la cronaca si parla di questo: Pjanic era già ammonito (e Orsato aveva espulso dopo 20 minuti Vecino dopo essere stato richiamato dal VAR). Lo schifo del calcio italiano, a dispetto della cloaca scoperchiata da Calciopoli, non ha mai fine. Oggi almeno sappiamo che lo scudetto del Napoli è rimasto per metà nel taschino di Orsato e per metà nel cassetto di Pecoraro. Perché un Procuratore che non denuncia l’AIA per ostruzionismo alle indagini e poi tace quando gli mandano i file audio cancellati è a sua volta reo”.

Torna il campionato

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Lega Pro, Ghirelli”Noi non possiamo ripartire, il protocollo costa troppo per noi”

Coronavirus, il bollettino del 3 maggio – Continua l’andamento positivo, anche i decessi in calo

CONTENUTI EXTRA FIRST RADIO WEB

Orlando: “Burocrazia zero e sostegno agli investimenti, attenti all’ondata di malessere”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *