Sarri: “Il turnover funziona solo se vinci”

sarri in conferenza

Ecco una stralcio della Conferenza Stampa di Sarri in attesa del match contro il Villareal

Alla vigilia del match di ritorno dei sedicesimi di Europa League contro il Villarreal (domani sera, ore 21.05), il tecnico del Napoli Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa assieme a Raul Albiol; il primo a parlare è stato il difensore spagnolo:

Vogliamo vincere e proseguire il nostro cammino europeo; l’Europa League è una competizione importante, vogliamo fare meglio dell’anno scorso. Il Villarreal è un’ottima squadra, domani sarà importante non subire gol. Con il supporto del nostro pubblico possiamo superare il turno. Higuain? Non fa gol da due partite più gli lo spezzone dell’andata: sta benissimo ma non deve vincerle da solo le partite. Sarri? Ha la sua precisa idea di gioco: noi siamo con lui fin dal primo giorno e siamo felici di seguirlo”.

Dopo di ché è toccato a Sarri rispondere alle domande della stampa presente: “Il Villarreal è un avversario forte e solido, abituato a fare sempre il proprio gioco: domani serviranno pazienza e lucidità per ribaltare il risultato e costringerli sulla difensiva; non dobbiamo farci influenzare dal risultato dell’andata altrimenti rischiamo di innervosirci dopo 20′. In più dovremo essere compatti, prestando attenzione alla fase difensiva e cercando di essere propositivi in fase offensiva: servirà una grande prestazione perché incontriamo una delle squadre più in forma d’Europa, che ha equilibrio e valori tecnici importanti”.

Hamsik? Che sia stanco è solo una vostra impressione: Marek ha avuto i numeri atletici migliori contro il Milan; Higuain? Sento discorsi ai limiti dell’assurdo, ma è un fuoriclasse: se vuole giocare domani lo decide lui così può rispondere alla critiche. Mertens e Insigne? C’è qualche speranza che giochino assieme, anche se tutti e due prediligono giocare a sinistra. Gabbiadini non è un esterno, difficile chiedergli lo stesso lavoro che faCallejon; con lui stiamo lavorando ad una soluzione diversa, che aumenti la nostra presenza in area di rigore anche se contro il Milan abbiamo concesso troppo”.

“Rimedi al catenaccio avversario? Non lo so, non mi interessa ma non credo che il Villarreal si difenderà: se succederà, è perché sono costretti, non credo sia nella loro mentalità. Si risolve con il lavoro, perché nelle ultime partite abbiamo prodotto 29 palle gol; dobbiamo essere più concreti”.

Il turnover ha una caratteristica: funziona solo se vinci. Vediamo chi è stanco, valuteremo oggi pomeriggio e domattina prima di decidere. L’1-0? Loro sono molto solidi, la nostra fase difensiva sarà cruciale sperando di avere una migliora capacità di realizzazione. Dobbiamo fare una partita normale, con attenzione in difesa sapendo di dover attaccare. Dovremo essere compatti ed attenti alle loro ripartenze”.

Fonte: StopandGo.net

Amedeo Gargiulo

Laureato in Lettere Moderne alla Federico II di Napoli nel 1997. Seconda Laurea in Storia all'Alma Mater di Bologna nel 2012. È insegnante di Lingua e Letteratura Italiana nella Scuola secondaria di secondo grado dal 2007. È giornalista pubblicista dal 2017. Nel 2020 ha pubblicato il suo primo romanzo storico: "Κύμη (Cuma)" Azeta Fastpress. Si occupa di due rubriche sulla storia del Calcio: "Tasselli di storia napoletana" per Forzazzurri.net e "SINE QUA NON, siamo qui noi" per 1000CuoriRossoblu. È Presidente della Associazione Culturale Enciclomedia ODV.

View all posts by Amedeo Gargiulo →