Pubblicato il: 21 Settembre 2019 alle 9:26 pm

Alex Zanardi supera se stesso ed abbatte il record nell’ Ironman paraolimpico

record alex zanardi

Alex Zanardi ha migliorato il proprio record mondiale che lo porta ad essere nuovamente l’Ironman paraolimpico più veloce al mondo

Record Alex Zanardi – La Gazzetta dello Sport riporta in merito alla straordinaria impresa, forse straordinaria è ancora poco accanto al nome di Zanardi.

“Niente da fare: la parola “risparmiarsi” non fa parte del suo vocabolario. C’era questa idea fra follia e ragione, scienza e sport di finire un Ironman e il giorno dopo chiuderne un mezzo, quindi ci si aspettava che Alex Zanardi tirasse un poco il freno ieri alla prova più lunga (3 km a nuoto nell’Adriatico, 180 con l’handbike sulle strade di Romagna, una maratona con la carrozzina fra gli applausi della sua gente) per poi essere fresco a quella più breve di oggi. Tenendo presente che il fine settimana scorso aveva vinto due medaglie d’oro e una di argento al Mondiale di paraciclismo in Olanda. Ma Alex è uno di quelli che sa sorprendere ed all’IronMan di Cervia (unica tappa italiana del circuito) tira fuori dal cilindro che ci regala sempre le sue meraviglie un nuovo record mondiale, migliorando il suo dello scorso anno, con 8h25’30” secondi e chiudendo all’ottavo posto assoluto (su tremila partecipanti soltanto all’Ironman). Regali – “Ci sono dei regali che la vita continua a farmi e voglio vivere sino a 200 anni per godermeli tutti”, ha detto all’arrivo, Certamente era difficile aspettarsi che potesse battere il record di 8 ore 26 minuti e 6 secondi, che l’anno scorso lo aveva già portato a essere l’Ironman paralimpico più veloce del mondo. “E’ stata una giornata avventurosa come accade in ogni Ironman. Sono stati importanti tanti aspetti, sicuramente il principale quello di alimentazione e integrazione. Le cose sono un po’ cambiate rispetto al piano iniziale preparato insieme all’Equipe Enervit, che mi segue dal mio primo Ironman a Kona, perché ho avuto problemi con la cannetta della borraccia che si era staccata. Fortunatamente qualcosa la so anche io e gli amici di Enervit negli anni mi hanno passato dei consigli, ho quindi ricalcolato nella mia testa un piano alimentare, ai ristori invece di prendere soltanto acqua prendevo isotonic, qualche gel in più e qualche pezzetto di banana. Fortunatamente avevo anche un altro gel sulla bicicletta attaccato col nastro. Mi sono difeso e riorganizzato e oggi abbiamo portato a casa una soddisfazione enorme”. Ironman 70.3 – Durante la quale il suo allenatore Francesco Chiappero ha raccolto dati utili per capire come l’organismo si adatti durante un evento così impegnativo, anche in vista di Tokyo 2020. Oggi l’impegno sempre a Cervia con Ironman 70.3 sulla distanza dimezzata: “Devo rifare i conti di che cosa mi serve per recuperare questa sera e per provare a vincere una sfida che sembra impossibile, ma che secondo me si può fare”.”

PER LEGGERE TUTTE LE NOTIZIE SUL NAPOLI CLICCA QUI

Leggi anche:

Juventus, caos nelle curve dello Stadium, la situazione

Radio Kiss Kiss Napoli -Tosto: “In estate leggevo del paragone Trippier – Di Lorenzo, a fine stagione sarà così”

Milan – Inter, le scelte di Giampaolo e Conte, le formazioni ufficiali

[FOTO] Ghoulam cuore d’oro invita un tifoso speciale allo stadio

Juventus-Verona, gli highlights del match – VIDEO

Mario Scala

Mario Scala

Sono nato a San Giorgio a Cremano(NA) il 19/11/1983. Ho frequentato l'ITIS Alessandro Volta e nel 2002 diventato perito informatico. Nel 2006 ho conseguito la laurea breve in "Scienze organizzative e gestionali ad indirizzo marittimo e navale". Risiedo attualmente in provincia di Massa Carrara. Fino a che avrò 36°C in corpo FORZA NAPOLI.

View all posts by Mario Scala →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *